Dalla San Francesco benedizione eucaristica alla città

 

pubblicato il 09 Aprile 2020, 09:44
2 mins

“Oltre che con i gesti concreti di solidarietà verso le famiglie provate dalla crisi economica per il coronavirus, con questa iniziativa abbiamo voluto manifestare visibilmente la presenza di Cristo, nell’Eucarestia, fra coloro che si sentono afflitti e scoraggiati per la situazione che da diverse settimane siamo costretti a vivere”. Così fra Alessandro Chiloiro, dei padri Minimi, parroco della San Francesco di Paola, in una delle zone più popolari del Borgo, ha commentato la solenne esposizione eucaristica dal balcone della chiesa, prospiciente via Anfiteatro, svoltasi mercoledì sera alle ore 19, durata circa mezzora.

“Tanti mi hanno manifestato in diversi modi il disagio di non poter vivere la santa messa e di non potersi comunicare. Molti partecipano alle varie celebrazioni in diretta televisiva o dalle pagine facebook parrocchiali, ma la mancanza di un contatto diretto viene avvertito. Così ho pensato a questa esposizione eucaristica, raggiungendo in preghiera gli anziani e i più lontani.

Alla mattina era stato appeso al balcone un drappo rosso, quale annuncio silenzioso dell’evento per quanti non erano stati avvisati dal passaparola. All’orario fissato, fra Alessandro ha portato l’ostensorio, posto tra lampade a olio. In strada, uno sparuto numero di fedeli, ovviamente a distanza di sicurezza l’uno dall’altro, dopo un canto improvvisato, ha sostato in preghiera silenziosa. I rari automobilisti di passaggio, accortisi della presenza del Santissimo, hanno rallentato e si sono segnati, pregando anche loro silenziosamente per i propri cari, soprattutto per gli ammalati. Davanti alla chiesa sono transitate anche auto della Polizia locale, constatando l’assenza di violazione alle normative in vigore. Al termine, fra Alessandro è comparso al balcone e ha benedetto la città e in particolare gli ammalati e il personale sanitario impegnato nella lotta contro il Coronavirus. Con la viva speranza che il tutto abbia a cessare al più presto.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)