E il parroco celebrò la messa sul terrazzo della chiesa

 

Sorpresa per gli abitanti di via Laclos da don Amedeo, nella Domenica delle Palme
pubblicato il 07 Aprile 2020, 11:35
3 mins

Per gli abitanti di via Laclos la sorpresa è stata davvero grande quando il loro parroco, don Amedeo Basile, è salito sul terrazzo della chiesa per celebrare la santa messa della Domenica delle Palme. Già in precedenza il sacerdote era ricorso a tali modalità, al fine di non lasciar soli i suoi parrocchiani, per la recita del santo rosario serale. Fra la grande cisterna d’acqua e i pozzi di luce, egli ha allestito l’altare, con i vasi d’ulivo che si rovesciavano spesso per il forte vento, ma alla fine tutto è filato liscio. Ad assisterlo a distanza di sicurezza c’era il seminarista Giorgio D’Isabella. Tante famiglie si sono affacciate al balcone, spesso addobbati con bianche lenzuola, rispondendo alle invocazioni e cantando insieme a lui; una coppia di sposi è rimasta inginocchiata per tutta la durata della celebrazione. “Si è rivelato provvidenziale – racconta – il dono di una potente cassa d’amplificazione da parte di una devota che ha fatto udire la mia voce per un largo raggio. A un certo punto sono giunte anche due Volanti e gli agenti, dapprima sorpresi, hanno constatato che non c’era violazione delle disposizioni in merito e sono andati via. Sono sicuro che avranno pregato anche loro”. Dopo la benedizione finale, don Amedeo ha fatto volare in cielo palloncini gialli e bianchi, in segno di festa e di augurio, cui si è unito uno rosso a forma di cuore, lanciato da una bambina da un vicino balcone. Il parroco tornerà daccapo sul tetto dell’Addolorata il Giovedì Santo alle ore 18.30 per la Messa in Coena Domini; il Venerdì Santo alle ore 17 per l’Azione Liturgica della Passione e Morte; il Sabato Santo alle ore 21.30 per la solenne veglia di Pasqua e la Domenica di Pasqua alle ore 10 per la Messa di Resurrezione. Tutte le celebrazioni, com’è avvenuto per quella della Domenica delle Palme, saranno trasmesse in streaming sulla pagina facebook della parrocchia.

Intanto venerdì e sabato scorsi la parrocchia ha distribuito 74 pacchi di viveri per famiglie bisognose. Spiega don Amedeo Basile: “Le abbiamo convocate telefonicamente dando appuntamenti ad ogni venti minuti di distanza per far rispettare le disposizioni ministeriali, senza creare assembramenti. Stiamo telefonando a quelle persone che sappiamo essere sole chiedendo se hanno bisogno di qualsiasi cosa, ma spesso basta una sola parola, un semplice ‘come stai?’, ‘Puoi contare su di noi!’. Questa è Eucaristia, rendimento di Grazie al Padre, comunione, partecipazione e condivisione che supera le barriere e le distanze e viaggia con provvidenza divina e arriva lì dove Dio non può mancare, non vuole mancare!”.

Foto di Francesco Manfuso

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)