Emergenza Covid-19: Sunia e Sicet Puglia chiedono sostegno a chi vive in affitto

 

pubblicato il 06 Aprile 2020, 10:08
2 mins

Le conseguenze dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo non sono ancora tangibili sulle famiglie che conducono in locazione un immobile, ma l’impatto rischia di essere devastante, se non ci si attrezza, e aprirà una ulteriore stagione di sfratti per morosità incolpevole che riguarderà miglia di famiglie nella nostra regione. Il problema è serio, com’è facilmente immaginabile.
Il provvedimento del Governo di sospensione del pagamento dei mutui è una misura sicuramente importante ma non copre i bisogni delle tante famiglie che una casa non la hanno.
I sindacati inquilini SUNIA-SICET regionali, vista la gravitò della situazione, invitano così la Regione Puglia ed i Comuni ad adoperarsi nei confronti del Governo nazionale per aumentare ad almeno 300 milioni il fondo nazionale di sostegno all’affitto: in Puglia sono oltre 30 mila le famiglie interessate al sostegno, questo dato e prima della crisi sanitaria; semplificare ed accelerare al massimo le procedure di accesso, gestione ed erogazione di questi fondi; favorire ed incentivare forme di rinegoziazione del canone di locazione e delle condizioni, includendo la possibilità di sospensione parziale o totale del canone con esenzione fiscale al locatore per il reddito non percepito nei relativi periodi.
Alla Regione Puglia i sindacati chiedono di passare dalle comprensione ai fatti. Ad oggi la Giunta Regionale non ha deciso di finanziare il fondo nazionale di sostegno all’affitto. Negli scorsi anni la Regione integrava il fondo nazionale con 15 milioni, ora, dicono le due sigle, “ci aspettiamo un intervento maggiore di almeno 25 milioni per il 2020 e comunque insufficienti a soddisfare Il fabbisogno regionale che ammonta ad oltre 55 milioni di euro, sempre dato pre crisi. Mentre è assolutamente necessario che i Comuni, appena ricevono dalla Regione il trasferimento delle risorse, procedano tempestivamente ad erogano alle famiglie il contributo integrazione affitto del bando scaduto a dicembre scorso”.
A tutte le Amministrazione Comunali, ad iniziare da quelli ad alta tensione abitativa, aggiungono SUNIA_SICET, “chiediamo di attivare un tavolo con le associazione della proprietà e degli inquilini che hanno sottoscritto l’accordo sui canoni agevolati ex legge 431/98 per arrivare ad un nuovo accordo integrativo che definisca modalità e criteri per la rinegoziazione dei canoni di locazione anche attraverso incentivi comunali di riduzione dei tributi”.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)