Covid-19, ancora donazioni per il Moscati

 

Non si ferma la gara di solidarietà per rifornire l'ospedale Moscati di attrezzature e presidi di protezione. Oggi è la volta dell'Associazione Vigili del Fuoco, della Gaia Cosmesi di Grottaglie e dell'ENI.
pubblicato il 06 Aprile 2020, 19:56
3 mins

Ogni giorno vi rendiamo conto di nuove donazioni di associazioni e privati cittadini nei confronti della Asl e di tutte le istituzioni che sono in prima linea nella lotta per il contrasto alla diffusione del Covid-19. Oggi al centro dell’attenzione c’è ancora l’ospedale Moscati, centro Covid della provincia di Taranto.

Arriva dall’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco del Corpo Nazionale la somma di cinquecento euro quale contributo per l’acquisto di un ventilatore polmonare.

“Si tratta di un piccolo gesto, ma per noi molto importante”, spiega la Presidente perché, aggiunge, “vogliamo far capire ai nostri medici e ai nostri infermieri e a tutto il personale paramedico, che la città di Taranto è con loro. E a loro, come associazione, vogliamo lanciare forte il nostro grazie per l’abnegazione e la dedizione con la quale svolgono la loro professione anche a prezzo della propria incolumità. La loro presenza nelle nostre strutture ospedaliere ci rende più sicuri”.

La società Gaia Cosmesi di Grottaglie, invece, ha donato al Moscati una fornitura di gel igienizzante, presidio medico utile per il lavaggio delle mani. Il prodotto, fa sapere l’azienda, presenta nel dosaggio alcol etilico denaturato assoluto (99°) che consente, grazie ad una diluizione predefinita, di ottenere una concentrazione alcolica superiore al 60%. Questa caratteristica rende l’igienizzante adatto per disinfettare la cute senza disidratarla, per un uso giornaliero anche ripetuto.

Anche Eni informa di aver messo in campo azioni di supporto delle strutture sanitarie che a Taranto e Brindisi, città che in Puglia ospitano i propri impianti, stanno gestendo l’emergenza sanitaria.

In particolare, Eni ha sviluppato iniziative di sostegno alla comunità e alle aziende sanitarie locali di Taranto e Brindisi attraverso la fornitura di equipaggiamento sanitario per il rafforzamento della capacità della terapia intensiva nelle strutture ospedaliere individuate dalla Regione.

A Taranto sono già state consegnate alla Azienda Sanitaria Locale 40mila mascherine tra chirurgiche, FFP2 e FFP3. Prossimamente verranno consegnati gli altri dispositivi di protezione individuale e apparati sanitari tra i quali occhiali e tute protettive, ventilatori polmonari, ventilatori–respiratori e monitor multiparametrici.

A Brindisi sono state consegnate alla locale Azienda sanitaria 20 letti di terapia intensiva, 10mila mascherine KN95 e 30mila chirurgiche e sono in arrivo anche i presidi a supporto dei reparti ospedalieri e terapie intensive della città, quali carrelli di terapia intensiva, ventilatori polmonari per terapia intensiva, respiratori, defibrillatori, tute protettive, mascherine e altri presidi che saranno resi disponibili secondo la disponibilità di approvvigionamento.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)