#iorestoacasa e… preparo la focaccia!

 

L'emergenza ha fatto rispolverare il gusto di prepararla in casa, così come anche il pane
pubblicato il 26 Marzo 2020, 16:36
4 mins

Nelle abitazioni degli italiani, da Nord a Sud, in queste serate dove il tempo sembra non debba mai passare, c’è tanta voglia di prelibatezze fatte in casa: focacce, pizze, rustici, dolci e quant’altro serva a rendere un po’ più sopportabile lo stare rinchiusi. Ciò accade soprattutto il sabato sera, essendo consolidata in molti l’abitudine dell’uscita in pizzeria. In questi giorni di clausura forzata le mamme stanno riscoprendo il piacere di rimettersi ad impastare, coinvolgendo tutta la famiglia nei preparativi. In una parola, c’è voglia di convivialità. Inoltre stare dietro ai fornelli aiuta a distrarsi, a non pensare. E così in cucina, sin dalle prime ore del pomeriggio, mentre si lavora l’impasto, è tutto uno svolazzare di farina che imbianca gaiamente i vestiti, mentre i più piccoli se ne lanciano l’un l’altro piccole manciate, fra le minacce neanche tanto convinte della genitrice. D’altronde se ne cade un po’ a terra il danno a è risibile: una passata di aspirapolvere ne fa subito giustizia. Il guaio è se si mischia con l’acqua!

Mamma, metti prosciutto crudo e melanzane; per me invece mozzarella di bufala e pomodorini. Non esiste la pizza vegana? Ma perché non fai i panzerotti? Lei desidera altro? Attenda che prendo nota: fa la capofamiglia celiando. E così, per non perdere la pazienza e soprattutto tempo nel dare troppe spiegazioni, ella dice di sì a tutti, ma poi fa a modo suo.

Per questo desiderio di preparare tutto in casa (a proposito, naturalmente sono in netto calo le vendite di pizze surgelate o precotte), si rispolverano i ricettari da tempo dimenticati sullo scaffale. Per servire a tavola una prelibatezza da applausi, o quanto meno da grugnito di soddisfazione, è tutto uno scambio di telefonate tra amiche ed è frequente il ricorso al consiglio di mamme e nonne, una volta tanto liete di essere considerate. Sui social è un susseguirsi di immagini di panetti in lievitazione, da condire con classico pomodoro e mozzarella o con ingredienti a… ruota libera. E c’è anche chi si cimenta con il pane fatto in casa nelle più varie preparazioni, facendo funzionare a pieno ritmo il Bimby. Benedetta Rossi, la regina del food in Italia, racconta che la videoricetta del “pane comodo”, pubblicata sul suo canale Youtube, ha superato il milione di visualizzazioni in soli tre giorni. Qualcuna è anche passata, in ritardo o con forte anticipo, dipende da come la si vuol vedere, a friggere le pettole: chissà se il marito ‘condisce’ il tutto con il cd della pastorale tarantina.

Così, autocertificazione alla mano, ogni giorno migliaia di casalinghe raggiungono supermarket e negozietti per l’acquisto della “materia prima”. Le confezioni di lievito di birra e di farina, di solito quella doppio zero, diventano oggetto del desiderio. Data la grande richiesta spesso scarseggiando sugli scaffali, quasi come l’amuchina e le mascherine: non resta che prenotarne in vista del prossimo rifornimento. Titolari di pubblici esercizi riferiscono che in pochissimi giorni si riesce a vendere fino a 10 chili di lievito.

A proposito, il campanello del forno avvisa che è pronto. L’aroma invitante proveniente dalla cucina fa subito salire l’acquolina. Chi aiuta a preparare e a mettere i piatti e i bicchieri? Ed ecco che fa l’ingresso trionfale il gran vassoio colmo di pezzi di focaccia di ogni tipo. Non c’è che da scegliere. Inizia l’”arranghe-arranghe”. Mi raccomando, non scottatevi e… buon appetito!

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)