Ex Ilva, ennesimo incidente sfiorato

 

pubblicato il 23 Marzo 2020, 12:29
21 secs

Ennesimo incidente sfiorato nello stabilimento siderurgico. A denunciarlo è il consigliere comunale Massimo Battista.

Mentre qualcuno ieri ha decretato che lo stabilimento ex Ilva deve continuare a marciare per decreto, l’ennesimo, cadono gli impianti in testa ai lavoratori. Alle 9.30 di questa mattina nell’acciaieria 1 al cov/3, a fine campagna, è caduto il carrello porta lance dal quarto al terzo piano, la fortuna ha voluto che si incastrasse sopra la cappa mobile. Non so cosa sarebbe potuto succedere se il carrello fosse arrivato a primo piano, dove c’è il passaggio di tantissimi operai. Mentre qualcuno continua a pensare al bene del paese a Taranto si continua a morire di tumore e di lavoro. Ne approfitto per stringermi al dolore della famiglia Ranieri per la scomparsa di Tommaso, grande amico che ho avuto modo di conoscere nel 98 quando operavavamo insieme all’acciaieria/2. Chiudete quella fabbrica solo gli operai possono farlo, non è sicura io vi avevo avvisato. Se dovesse succedere un incidente rilevante il premier Conte sarebbe da considerare complice.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Un Commento a: Ex Ilva, ennesimo incidente sfiorato

  1. Umberto

    23 Marzo, 2020

    Quale momento migliore per chiudere se non questo? decreti coronavirus,pagamenti mutui case bloccati,cassa integrazione,aiuti alle famiglie che hanno difficolta’,ok l’acciaio e’ importante, ma e’ vero che la salute viene prima di tutto,lo sentiamo ripetere in tv 5000 volte al giorno in questo periodo,tutti a casa, specialmente i non Tarantini e che non sono neanche della provincia che vengono a scroccare lo stipendio a Taranto vantandosi di essere gli unici a lavorare veramente nello stabilimento,e parlano male di Taranto e dei Tarantini alle spalle. che si diano pane nei loro paesi dall’aria pulita. nessuno e’ un eroe (stile canzone caparezza) la’ dentro. gli eroi sono quelli che non hanno una busta paga,ma onestamente riescono a dare comunque da mangiare ai loro figli.

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)