Il blob della settimana, tra meme simpatici e castronerie varie…..

 

Quest’altra settimana di quarantena ha acuito la tendenza del web e dei social in particolare a fornirci un marasma di informazioni, post, video, audio, dirette che molto spesso ci presentano una realtà distorta, quanto esasperata.
pubblicato il 22 Marzo 2020, 15:50
5 mins

Domenica scorsa abbiamo pubblicato una lista con i dieci meme (immagini-tormentone che si diffondono in maniera virale e spontanea sul web grazie alle molteplici condivisioni) più simpatici, nei quali ci eravamo imbattuti nel web, per strappare un sorriso in un momento così particolarmente delicato della nostra esistenza.

Vogliamo riproporre la lista, seppur in chiave ridotta, anche questa domenica per alleggerire l’ulteriore carico di tensione emotiva generata da un’altra settimana di bollettini di “guerra” dovuti al Covid-19.

E’ necessario però un prologo perché quest’altra settimana di quarantena ha acuito la tendenza del web e dei social in particolare a fornirci un marasma di informazioni, post, video, audio, dirette che molto spesso ci presentano una realtà distorta, quanto esasperata.

In questo marasma ci siamo dovuti districare tra audio-fake dilagati su WhatsApp che giocano a seminare panico (recente un audio con sottofondo di sirene di ambulanze e forze dell’ordine e una voce che annunciava sette casi di positività al Coronavirus al quartiere Paolo VI di Taranto, mentre era “solo” il mezzo del 118 che prelevava una donna disabile con altro tipo di problemi di salute), sedicenti guru delle virologia che ci spiegano le loro variegate teorie, gruppi Facebook che gridano al complotto mondiale ipotizzando misteriosi scenari apocalittici, “panzoni” che hanno scambiato il balcone di casa per un permanente palco tipo “la Corrida”, foto e video di gente accalcata in fila – a distanza di insicurezza – con i carrelli davanti ai supermercati, sindaci che appaiono sempre più in video con improbabili messaggi – in dialetto autoctono – nella speranza di sensibilizzare i propri concittadini a restare a casa ma che ottengono il risultato di diventare solo una “macchietta”, governatori regionali che promettono di inviare i carabinieri con il lanciafiamme per sedare assembramenti festaioli, vip che si lamentano di stare chiusi da troppi giorni in una casa di quattrocento metri quadri con giardino.

Insomma un enorme blob nel quale distinguere la notizia vera da quella fake è diventato un gioco troppo complicato (il caro vecchio tg resta forse l’organo di informazione più autorevole) nel quale si inserisce questa brutta competizione, che vede fianco a fianco certi giornalisti e le comari del palazzo accanto, a rendere noti per primi i nomi degli untori locali.

Detto ciò, sperando di riuscire strappare un sorriso ai nostri lettori, ecco la top five dei meme di questa settimana:

1 – ognuno di noi in questi giorni sta ricevendo nella cassetta della posta le tanto “odiate” bollette delle utenze domestiche (ricordiamo che la sospensione del pagamento delle stesse è stata decisa solo per i comuni delle prime zone rosse). E allora è scattato spontaneo l’invito, rivolto ai postini, di rimanere anche loro a casa….

2 – la settimana appena trascorsa è stata contraddistinta dalla polemica nei confronti di coloro – gli splendidi, i furbetti, i menefreghisti – che continuano ad andare in giro senza giustificato motivo. A questi personaggi è dedicata una carta di un gioco che un po’ tutti nelle nostre case abbiamo tirato fuori dalla polvere: il caro vecchio Monopoli. Il messaggio della carta è chiaro……

3- stando a casa, si finisce con il ritrovarsi spesso a tavola…….Focacce, taralli, dolci, panzerotti, pasta fresca non possono passare inosservati sotto il nostro naso e quindi le conseguenze da pagare le potremmo ritrovare  pesandoci…….Questa bilancia amica ci rassicura e ci dice che andrà tutto bene…..

4 – Quando, davanti alla tv, o sui social viene annunciata una diretta del presidente del consiglio Conte la reazione che un po’ tutti stiamo avendo è pari a quella di  Homer Simpson in questo meme (fonte gli Autogol)

5- l’ultimo meme è l’invito a starcene alle case nostre……così come pubblicato da uno dei gruppi facebook più seguiti del momento – Inchiostro di Puglia – che è riuscito a rimettere assieme in una diretta facebook quei simpatici mattacchioni di Toti &Tata, al secolo i comici baresi Antonio Stornaiolo ed Emilio Solfrizzi.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)