Osservatorio Ilva, convocata riunione il 20 marzo

 

L'ultima riunione si svolse lo scorso 24 ottobre prima del caos dovuto all'atto di recesso. Focus di monitoraggio dell’attuazione del Piano ambientale
pubblicato il 13 Marzo 2020, 18:58
3 mins

E’ stato convocata per venerdì prossimo 20 marzo, una nuova riunione dell’Osservatorio permanente per il monitoraggio dell’attuazione del Piano ambientale ex art. 5, comma 4, del DPCM del 29 settembre 2017 per lo stabilimento siderurgico di interesse strategico nazionale di Taranto ArcelorMittal Italia S.p.A. (ex ILVA S.p.A. in A.S), alle ore 11.00, presso la stanza n. 901 del IX piano della sede di questo Ministero, via C. Colombo n. 44, Roma.

(leggi l’articolo sull’ultima riunione dell’Osservatorio https://www.corriereditaranto.it/2019/10/30/2osservatorio-ilva-riesame-aia-si-lavora-sui-dati/)

Non sappiamo se la riunione avrà luogo visto l’emergenza Coronavirus, o se sarà tenuta in videoconferenza. Ciò detto, questo è l’ordine del giorno previsto per la riunione:

Comunicazioni del Presidente;

Esame alla presenza di ArcelorMittal Italia S.p.A. dello stato d’avanzamento delle attività: approfondimento documentale sui cantieri che devono essere aperti e/o conclusi entro il 31 dicembre 2020.

In particolare, esame dello stato d’avanzamento delle attività previste nei cronoprogrammi sinora forniti, per l’attuazione delle seguenti prescrizioni:

n. 16.-42-49: fermata batteria di cokefazione n. 11 e doccia n. 6, entro il 31 marzo;

n.1-UA7: completamento copertura Parco Fossile, entro il 31 maggio;

n. UA11, punto 2: impianto di trattamento reflui area cokeria e area altoforno, entro il 30 giugno e conseguente rispetto dei nuovi valori limite di emissione ai relativi scarichi parziali;

n. UA11, punto 5: intervento per la riduzione delle emissioni di zinco al punto di emissione 27AI (zincatura a caldo ed elettrozincatura), entro il 10 novembre e conseguente rispetto del nuovo valore limite di emissione (Dir. 374/2019 del 28/6/2019 e cronoprogramma nota n. Dir. 573/2019 del 22/10/2019);

n. 16.m)-37-42-49: batterie di cokefazione 7-8 e doccia n. 4bis, entro il 31 dicembre e conseguente rispetto dei nuovi valori limite di emissione;
verifica dello stato d’avanzamento, a marzo 2020, delle attività previste nei cronoprogrammi sinora forniti, per l’attuazione delle seguenti prescrizioni:

n. 55-57: installazione di filtri a maniche sull’impianto di sinterizzazione dell’agglomerato (E312): stato d’avanzamento dei cantieri per E81 e E91, D81 (cronoprogramma nota n. Dir. 590/2019 del 28/10/2019);

n. UP3 (Gestione di fanghi acciaieria, fanghi d’altoforno e polverino d’altoforno) e n. UP2 (rimozione cumulo polveri e scaglie in area Parco Minerale) – (cronoprogramma nota n. Dir. 573/2019 del 22/10/2019);

– articolo 6, comma 2, del DPCM del 29/9/2017: Piano di efficientamento energetico presentato con nota n. Dir. 580/2019 del 25/10/2020;

– articolo 13, comma 2, del DPCM del 29/9/2017: Programma organico rimozione amianto e relativo cronoprogramma presentato con nota n. Dir. 573/2019 del 22/10/2019;

Aggiornamento da parte dei rappresentanti di ILVA S.p.A. in A.S. sulle attività poste in essere per l’attuazione degli interventi di cui all’articolo 12 del DPCM del 29/9/2017;

Aggiornamento da parte di ISPRA sulle attività seguenti: attività ispettive con riferimento alla certificazione dell’avanzamento degli interventi al 31 dicembre 2019; attività del tavolo sul biomonitoraggio in attuazione della prescrizione n. 93 dell’AIA 2012.

Staremo a vedere quali saranno le eventuali novità. 

(leggi tutti gli articoli sull’Osservatorio Ilva https://www.corriereditaranto.it/?s=osservatorio+ilva&submit=Go)

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)