CIS Taranto, Prefettura propone riunione in streaming

 

Dopo la riunione dello scorso 5 marzo, il tavolo doveva riunirsi oggi. Vertice rinviato al 20 marzo con proposta agli enti partecipanti di esserci in video conferenza
pubblicato il 13 Marzo 2020, 19:08
41 secs

Dopo la riunione dello scorso 5 marzo a Roma, il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) di Taranto, o meglio il Tavolo Istituzionale Permanente inizialmente previsto a Taranto per oggi e poi rinviato, dovrebbe svolgersi sempre a Taranto, in Prefettura, venerdì 20 marzo ma in video conferenza. La proposta di streming è arrivata direttamente dalla Prefettura a tutti gli enti istituzionali che fanno parte del tavolo. Vedremo se la riunione sarà effettuata in questa modalità o meno.

(leggi l’articolo sull’ultima riunione https://www.corriereditaranto.it/2020/03/05/2cis-resta-ancora-scarsa-la-capacita-di-spesa/)

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)