ArcelorMittal; Palombella (Uilm): “No ad accordi sulla pelle dei lavoratori”

 

pubblicato il 20 Febbraio 2020, 18:55
2 mins

Continua la trattativa “segreta” tra ArcelorMittal, Commissari straordinari e Governo e proseguono, allo stesso tempo, messaggi ambigui fatti trapelare attraverso interviste o articoli giornalistici su un accordo che sarebbe pronto. Dopo il terzo rinvio dello scorso 7 febbraio e a pochi giorni dalla scadenza dei termini previsti dal Tribunale di Milano, si instiste con lo stillicidio quotidiano e con la stessa impostazione dei mesi precedenti”. Così Rocco Palombella, segretario generale Uilm, interviene sulla situazione dell’ex Ilva.

L’accordo che si sta realizzando – dichiara il leader Uilmstravolge quello del 6 settembre 2018 che ha avuto il consenso del 93% dei lavoratori. L’intesa prevederebbe l’allungamento di due anni dei tempi per “il ritorno a lavoro” dei 1.800 lavoratori in Amministrazione Straordinari, il ridimensionamento degli interventi del risanamento ambientale, nuovi assetti societari nel lungo periodo, modifiche al contratto di affitto e tanti altri punti rilevanti”.

Quindi – continua – si sta portando avanti un accordo capestro di separazione tra ArcelorMittal e gli stabilimenti dell’ex Ilva, dietro il pagamento di una quota irrisoria. Inoltre, a valle di questo patto, si chiederebbe alle organizzazioni sindacali di condividerlo e di farsi carico di realizzare un’intesa che prevede migliaia di esuberi potenziali con la gestione della cassa integrazione”.

Non tolleriamo e siamo nettamente contrari – conclude – sia al merito che al metodo inaudito che si stanno consumando alle spalle e sulla pelle di migliaia di lavoratori, provocando ulteriori difficoltà e disperazione per le centinaia di famiglie coinvolte”.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)