Dopo un mercato senza colpi il Taranto atteso dall’ostico Sorrento

 

pubblicato il 01 Febbraio 2020, 17:20
2 mins

Un’altra settimana sui generis è trascorsa in casa Taranto. Una settimana partita con la conferenza stampa del diesse De Santis, nel corso della quale ha toccato tutti gli argomenti caldi del momento, buon ultimo il siluramento dell’ex capitano D’Agostino (accasatosi dopo qualche giorno nella serie A maltese), proseguita con gli ultimi movimenti (ingaggiati due under classe 2000: il difensore Petrucci e l’attaccante Avantaggiato)  nella sessione invernale di un mercato contraddittorio e che terminerà con la difficile trasferta di Sorrento, sul campo della seconda in classifica (43 punti), vera sorpresa di questa stagione.

I campani, allenati dall’ex Maiuri, in casa non hanno mai perso (7 vittorie e 4 pareggi), sono imbattuti dal 15 settembre scorso ossia da 18 turni e le uniche due sconfitte della stagione le hanno patite alla prima e terza giornata del girone di andata.

Un esempio da seguire, quello del Sorrento, che ha allestito una compagine con molti giovani già affidabili e gente di categoria e pochissime primedonne, forse il solo attaccante esterno panamense Herrera (7 gol per lui sinora).

Che Taranto sarà quello che vedremo all’opera da qui al termine della stagione? Il mercato invernale lo abbiamo definito contraddittorio ma, forse, soprattutto riguardo la fase di sfoltimento della rosa permetterà di lavorare su un undici titolare più equilibrato ed un modulo tattico più adatto(4-3-1-2) : Sposito in porta , Ferrara –Luigi Manzo-Benvenga e Pelliccia in difesa, Matute – S. Manzo e Cuccurullo a centrocampo – Van Reesbaack a galleggiare tra centrocampo e attacco dietro le punte Goretta e Genchi.

Sono stati ceduti ben 15 giocatori: il portiere Giappone, i difensori: Riccio, Betti, De Caro, Gambino, Mambella, De Letteriis, Lanzolla e Kosnic; il centrocampista Galdean, gli attaccanti D’Agostino, Croce, Favetta e Ouattara.

Di contro sono arrivati 7 giocatori : il portiere Carriero, i difensori Petrucci e Kley, il centrocampista Van Reesbaak, gli attaccanti Olcese, Goretta e Avantaggiato.

Stravolto o quasi il parco under scelto in estate dalla coppia Ragno-Sgrona, il Taranto appare, inoltre, indebolito in attacco.La notizia migliore di tutto il mercato di riparazione del Taranto è rappresentata dalla permanenza del centrocampista Matute, per il quale – viste le non molte presenze da titolare– si era paventata una cessione.

 

 

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)