Strada Regionale 8: la Provincia deposita la VIA

 

Con questo atto ora la palla passa alla Regione Puglia che ha 240 giorni per esprimersi in merito. Il presidente della Provincia, Giovanni Gugliotti, soddisfatto, in un passaggio della riunione tecnica tenutasi, rivendica il ruolo strategico del suo Ente nell'organizzazione dei Giochi del Mediterraneo
pubblicato il 31 Gennaio 2020, 17:26
4 mins

C’è una svolta, non epocale ma visti i ritardi amministrativi accumulati quasi lo è, nella questione relativa all’iter realizzativo della strada Litoranea Interna denominata Regionale 8 e per il cui completamento ci sono a disposizione 193 milioni di euro.

L’opera viaria più attesa da 30 anni a questa parte (il progetto originario fu approvato nel lontano 1988 con Delibera del Consiglio provinciale n. 189/19889) che dovrebbe collegare Talsano ad Avetrana, ha terminato una fase importante del suo percorso.

Il presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Gugliotti ha, infatti annunciato, nel corso di una sorta di tavolo tecnico permanente, al quale hanno partecipato i sindaci dei paesi del versante orientale interessati dall’opera pubblica (Leporano, Pulsano, Faggiano, Lizzano, Torricella, Maruggio, Manduria, Avetrana) ed i rappresentati provinciali dei sindacati CGIL-CISL e UIL, che si è provveduto a depositare il 28 gennaio scorso, presso la Regione Puglia, la VIA (Valutazione di Impatto Ambientale).

L’Amministrazione Provinciale, negli ultimi anni, era stata al centro di numerose polemiche a causa di questa benedetta VIA da produrre. Dal 2017 c’era una delibera in cui la Regione chiedeva alla Provincia di Taranto di avere degli atti per completare l’iter progettuale della Regionale 8  con il rischio di perdere il finanziamento di 193 milioni di euro. Era stato, in seguito, fornito come termine ultimo, dicembre 2019, per l’assunzione delle obbligazioni giuridicamente inderogabili per la pubblicazione del bando per l’affidamento dei lavori.

Ecco perché il presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Gugliotti, ha dichiarato, con soddisfazione, di aver dato, da quando si è insediato, priorità a questi atti e che gli stessi, nel giro di poco più di una anno, sono stati prodotti grazie ad un’accelerata data negli ultimi due mesi.

Al netto delle consuete dichiarazioni sull’importanza strategica per il turismo dell’arco orientale della provincia di questa opera prioritaria – così prioritaria che sono trascorsi decenni per sbloccarla…… – il presidente Gugliotti ha sottolineato che ora la palla passa alla Regione, la quale ha 240 giorni di tempo per esprimere un parere: “Ora che abbiamo presentato la VIA occorre non abbassare la guardia ma dobbiamo svolgere tutti assieme un’azione di pressione sulla Regione affinchè si porti a compimento questo progetto. Concordo con i rappresentanti sindacali che chiedono nei prossimi mesi di riservare alla questione una grande attenzione politica”.

Riportato ciò, però, occorre rimarcare che ci vorranno almeno altri 6-7 anni, blocchi amministrativi permettendo, per poter vedere terminata quest’opera pubblica di cui si parla da ben trenta anni.

Inoltre, Il Presidente della Provincia, in un passaggio, ha rivendicato un ruolo importante del suo Ente nel Comitato Organizzatore dei Giochi del Mediterraneo:“ Questa è un’altra sfida che non ci deve sfuggire nonostante il tanto lavoro, di nostro, che abbiamo da fare. I Giochi rappresentano un’opportunità grandiosa ed irripetibile per il nostro territorio. La Provincia è un ente strategico e non inutile come a Roma in molti pensano per cui se qualcuno a Bari crede che possa essere tagliata fuori dall’organizzazione, si sbaglia. Essa deve poter fornire il suo contributo ai Giochi del Mediterraneo”.  

 

 

 

 

 

 

Condividi:
Share

Un Commento a: Strada Regionale 8: la Provincia deposita la VIA

  1. Aroldo Fieri

    Febbraio 1st, 2020

    Le solite pagliacciate di incompetenti sulla pelle dei tarantini, come al solito silenti e passivi …. tristezza infinita … voglia di emigrare da questo pseudo paese

    Rispondi

Commenta

  • (non verrà pubblicata)