Parco ai Tamburi: “Sfogo Fabi non giustificato”

 

Lo afferma l’assessore Viggiano
pubblicato il 21 Gennaio 2020, 14:47
2 mins

Contrariamente allo sfogo amareggiato del cantautore Niccolò Fabi apparso su Repubblica, l’amministrazione comunale non ha rinunciato alla realizzazione del parco ai Tamburi, frutto della donazione della Fondazione Pizzarotti e di quella intitolata “Le parole di Lulù”, voluta dall’artista e dalla compagna Shirin Amini, in ricordo della figlia Olivia (detta affettuosamente, appunto, Lulù), scomparsa nel 2010 ad appena 22 mesi per meningite fulminante. Lo dichiara l’assessore al patrimonio Francesca Viggiano, provvedendo a far chiarezza sulla vicenda, che sta destando tanto scalpore. L’assessore specifica che alcuna responsabilità può essere ascritta al Comune di Taranto ma, al più, il ritardo va addebitato esclusivamente alla Provincia che, nonostante le sollecitazioni, non ha ancora emanato il certificato di collaudo, azione per la quale è competente. L’assessore inoltre stigmatizza le pesanti affermazioni dell’artista, soprattutto quando afferma che il progetto “è entrato nel vortice di interessi e campanilismi. È sempre l’ego che rallenta un lavoro collettivo e corale”. La zona dove sorgerà il parco, spiega Francesca Viggiano, per la vicinanza allo stabilimento siderurgico, è soggetta a particolari cautele, soprattutto per la salvaguardia dei bambini, cui è destinata l’area a verde. “Già nel marzo 2019 il Comune – riferisce – ha completato tutto l‘iter preliminare e nel successivo settembre ci è pervenuta la certificazione relativa alla caratterizzazione dell’area da parte dell’Arpa. Manca appunto solo il certificato della Provincia, propedeutico alla realizzazione dell’opera della Fondazione Pizzarotti e di quella “Le parole di Lulù”, cui spetterà l’installazione di gni attrezzatura e di giochi per i bambini. Nonostante i solleciti, stiamo ancora in attesa”.

Tutto ciò – conclude l’assessore – è stato da noi evidenziato con note stampa, ma questo a molti purtroppo è sfuggito”.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)