ArcelorMittal, ripartita la cigo per 1.273 lavoratori

 

Si tratta della seconda proroga del provvedimento che ha preso il via lo scorso 2 luglio
pubblicato il 02 Gennaio 2020, 19:07
58 secs

È ripartita come previsto il 30 dicembre scorso, senza accordo sindacale, la Cassa integrazione ordinaria (Cigo) per un numero massimo di 1.273 dipendenti (900 operai, 104 intermedi e 269 impiegati e quadri) dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal di Taranto. Si tratta della seconda proroga della procedura avviata il 2 luglio scorso e durerà altre 13 settimane.

Il numero medio di sospensioni in Cigo effettivamente poste in essere nel periodo intercorrente tra l’inizio del periodo di sospensione e il 30 novembre 2019 è stato di 560 unità, con punta massima di 963.

ArcelorMittal alcune settimane fa ha già annunciato che, qualora fosse confermato l’ordine di spegnimento dell’altoforno 2, il mutato assetto produttivo comporterebbe il ricorso alla Cassa integrazione straordinaria (Cigs) per 3.500 lavoratori, compresi i 1.273 per i quali è partita la Cigo il 30 dicembre scorso.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)