Ex Ilva, commissari chiedono rinvio udienza civile a Milano

 

La Procura ha chiesto tempo per replicare alla memoria presentata lunedì dalla multinazionale
pubblicato il 19 Dicembre 2019, 15:20
2 mins

I legali dei commissari straordinari dell’ex Ilva hanno depositato quest’oggi al giudice Claudio Marangoni di Milano, un’istanza per chiedere il rinvio dell’udienza della causa in corso contro la multinazionale ArceloMittal, in programma domani. E’ molto probabile un nuovo rinvio, dopo il primo dello scorso 27 novembre, anche perché i commissari hanno chiesto un termine temporale per analizzare la memoria e gli allegati presentati lunedì sera dai legali di ArcelorMittal.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/12/18/ex-ilva-trattativa-in-stallo-ludienza-del-20-a-milano-sara-rinviata/)

Inoltre, nella richiesta d’istanza i legali dei commissari straordinari hanno fatto presente l’importanza di attendere la decisione del Riesame di Taranto (udienza fissata per il 30 dicembre), in merito all’istanza in cui si chiede la proroga della facoltà d’uso dell’altoforno 2. L’udienza potrebbe essere quindi aggiornata a dopo il 6 gennaio: questo sarà discusso alla presenza delle parti (tra cui anche la Procura di Milano e il Codacons) in aula al fine di decidere l’eventuale data del rinvio. Allo stesso tempo però, il giudice dovrà indicare anche un termine entro il quale, poi, il gruppo anglo-indiano potrà rispondere con un’altra memoria di controreplica.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/12/18/ex-ilva-il-30-dicembre-ludienza-al-riesame-sullaltoforno-2/)

Sempre nell’udienza di domani sulla causa civile fra ArcelorMittal e i commissari dell’ex Ilva, la Procura di Milano, che è parte della stessa, chiederà di essere autorizzata dal giudice a poter replicare con delle controdeduzioni alla memoria del gruppo anglo-indiano con un atto proprio, dopo che la società, tra le altre cose, ha chiesto l’estromissione dal procedimento degli stessi pm. Proprio ieri la Guardia di Finanza ha inviato alla Procura di Milano tutti gli accertamenti effettuati nelle perquisizioni della sede legale del capoluogo lombardo.

Durante la discussione delle parti in udienza domani, potrebbe anche essere posta dalla multinazionale la questione relativa alla continuità produttiva e aziendale che era stata garantita dall’ad Lucia Morselli per il tempo della durata del procedimento cautelare. Tempo che, con la nuova richiesta di rinvio dell’udienza avanzata dai commissari dell’ex Ilva, qualora venisse accettata, si dilaterebbe con conseguenti ulteriori esborsi-perdite per il gruppo franco indiano.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)