Montemesola, pizzicato furbetto del reddito di cittadinanza

 

pubblicato il 10 Dicembre 2019, 14:26
50 secs

Controlli in materia di lavoro nero e/o irregolare, sicurezza sui luoghi di lavoro e l’illecita percezione del reddito di cittadinanza. In tale ambito, i Carabinieri della Task Force, istituita dal Comando Provinciale dell’Arma jonica e composta dai militari del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Taranto, dalla Stazione di Montemesola e del Nucleo Ispettorato del Lavoro CC di Taranto, hanno denunciato, in stato di libertà all’A.G. jonica, un 41enne di Montemesola, ritenuto responsabile della violazione della normativa sulla percezione del reddito di cittadinanza e di quella in materia di sicurezza sul lavoro.
Nello specifico, durante un mirato servizio, i militari hanno accertato che l’uomo, in qualità di titolare di un bar sito in centro, al fine di evitare la revoca e/o della riduzione del reddito di cittadinanza, aveva omesso di comunicare all’Inps – quale ente erogatore del citato beneficio – l’avvio della gestione del predetto esercizio, nonché aveva impiegato alle sue dipendenze presso la predetta attività un operaio senza un regolare contratto di assunzione, in favore del quale aveva anche omesso di fornire i dispositivi di protezione individuale, di avviare il protocollo di sorveglianza sanitaria e la prevista formazione in materia di sicurezza sul lavoro. Nella circostanza, all’uomo, venivano altresì comminate sanzioni penali ed amministrative per complessivi euro 86.500,00.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)