Breve viaggio nel futuro

 

Dove sta andando il mondo? Meno fattore umano, più intelligenza artificiale
pubblicato il 08 Dicembre 2019, 09:34
5 mins

Le nuove strategie geopolitiche cambiano , mentre noi italiani siamo sempre più provinciali, il mondo cambia sempre più velocemente e i sistemi energetici e materie prime diventrano sempre più protagoniste nel pianeta. Mentre a Londra in questi giorni capi di governo dei paesi aderenti alla Nato, minacciano reciproche sanzioni con l’aumento dei tassi di importazioni, i politici sorseggiando champagne per festeggiare i primi 70 anni della alleanza militare, parlando di nuove strategie militari.
Nel nord del mondo invece, si brinda per l’inaugurazione della prima tubazione di gas tra la Siberia e Cina. Il gasdotto ‘Forza della Siberia’ cambia e rafforza tra Cina Russia. Un contratto di 30 anni fa tra Gazprom e Cnpc per la pipeline ‘Forza della Siberia’ che attraversa la cosiddetta “rotta orientale”, che collega i due Paesi. Contratto di 30 anni, la Gazprom porterà il gas dai centri di produzione di Irkutsk a Yakutsk ai consumatori russi nelle zone più a est della Federazione e poi alla Cina, per fornire ogni anno 38 miliardi di metri cubi di gas. La pipeline sarà lunga 4 mila chilometri con una capacità di trasporti di 61 miliardi di metri cubi di gas naturale l’anno, la metà dei quali destinati alla Cina. La collaborazione sempre più stretta a livello diplomatico e commerciale tra Mosca e Pechino, dà anche la possibilità alla Russia di diversificare le fonti di entrata sul gas e affrancarsi dal mercato europeo col quale negli scorsi anni ci sono stati diversi problemi e polemiche, per esempio legate al gasdotto North Stream2. Allo stesso tempo forniscono alla Cina un’importante risorsa energetica, dando tra l’altro a Pechino anche un’altra leva nel rapporto con Mosca che, non a caso, starebbe cercando di ampliare il progetto sia verso il centro dell’Asia sia verso la sua parte più orientale. La Russia giorno 8 gennaio inaugurerà il gasdotto ”Turk steam” che bypassa il vecchio nodo sulla rete gas russa. Questi eventi stanno cambiando l’ordine energetico mondiale attuale. Il baricentro commerciale del Pacifico si allarga suil continente asiatico, l’Asia diventa sempre più protagonista nel futuro del mondo mentre in Europa ognuno sembra andare per conto proprio.
In questo contesto nuove tecnologie e materie prime stanno rivoluzionando la geopolica industriale. Il minerale del litio si trova nelle miniere dell’Altipiano andino, in Argentina, Perù e Bolivia, in quest’ultima recentemente si sono nei giorni scorsi create le condizioni per le dimissoni del presidente, deciso a nazionalizzare le miniere, sottraendole alle multinazionali.
Poi c’è il Graphene, è un materiale con proprietà mai esistite in nessun altro materiale al mondo. E’ più forte dell’acciaio, conduce meglio del rame, è sottile come un singolo atomo, come semiconduttore è praticamente trasparente, e ha applicazioni ovunque, per esempio nel filtraggio dell’acqua.
Poi ci sono gli Oleds, tecnologie visive, che trasformeranno le tv, gli smart phones in applicazioni molto più flessibili, intercambiabili, permetteranno a una televisione di casa di essere ripiegata in un tablet e poi anche in uno smartphone. Inimmaginabile come cambierà la comunicazione o l’intrattenimento. Le nanotecnologie sono immense, le più avanzate​ chemioterapie di oggi. La nanotecnologia saprà arrivare dritto alla singola cellula cancerogena senza mai sfiorare un’altra singola cellula, si chiamano le chemio nanotecnologie.
L’intera industria automobilistica si dissolverà, i motori tradizionali non esisteranno più, ci saranno motori elettronici e le batterie al litio. E’ la realtà che sta spazzando via tutti i mercati, avremo non più automobili, ma supercomputers con intelligenza artificiale, sapranno portarci in giro senza nessuna intervento umano. Non esisterà più il mercato dove si compra l’auto, svaniranno i concessionari, e il 90% dell’impiego burocratico del mondo dei trasporti privati. Le auto si chiameranno a domicilio attraverso gli smart phones, e saranno usate solo per lo scopo richiesto.
Passeremo da un mondo, oggi, dove gli uomini danno regole alle macchine, a un mondo dove gli uomini porranno problemi alle macchine, loro penseranno e li risolveranno. Per gli investitori questo significa centinaia di miliardi di dollari di risparmi. Il trucco qui sta nella velocità in cui gli algoritmi stanno superando la velocità del cervello umano e l’Intelligenza artificiale sta arrivando alla capacità delle macchine di pensare e risolvere problemi molto più velocemente. Nella sanità, si velocizzeranno le diagnosi, eliminando l’errore. Nella grande distribuzione si eliminerà il bisogno di gran parte del personale con i robot.

Condividi:
Share

Articolo Precedente

Salviamo il pianeta Terra!

Articolo Successivo

Nel pantano afghano

Commenta

  • (non verrà pubblicata)