Ex Ilva, il 10 in sciopero anche l’indotto, i marittimi e l’autotrasporto

 

Coinvolti i lavoratori servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi, ristorazione e vigilanza, marittimi e autotrasportatori
pubblicato il 06 Dicembre 2019, 17:31
3 mins

Si mobiliterà anche l’indotto dei servizi in appalto che ruota intorno agli stabilimenti, ex Ilva, ArcelorMittal di tutta Italia, contro i 6.300 esuberi ipotizzati dal colosso indiano al tavolo con le federazioni di categoria del comparto metalmeccanico. I tagli dei posti di lavoro e della produzione dell’acciaio si ripercuotono inevitabilmente nel sistema esternalizzato dei servizi, dove complessivamente operano 6mla addetti, distribuiti nei settori delle pulizie industriali, della ristorazione, della vigilanza – circa 5mila solo nello stabilimento tarantino – oltre alle centinaia di addetti impiegati nelle attività riferite ai comparti alberghiero, distribuzione commerciale e lavanderie, riconducibili ai servizi funzionali dell’impresa.

I sindacati di categoria hanno, quindi, proclamato per martedì 10 dicembre due azioni di sciopero di 24 ore indette da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti, per i lavoratori delle aziende in regime di appalto nel settore servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi, e da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, per i lavoratori addetti ai servizi di ristorazione e vigilanza.

La manifestazione dell’intero indotto dei servizi in appalto confluirà nella iniziativa unitaria Cgil Cisl Uil già programmata a Roma in Piazza Santi Apostoli.

I sindacati esprimono “grande preoccupazione sul piano industriale presentato da ArcelorMittal ad appena un anno dall’insediamento e dalla stipula del contratto di affitto per la gestione dell’impianto siderurgico. L’ipotesi del taglio di 6.300 posti di lavoro e della produzione dell’acciaio coinvolge direttamente anche i lavoratori degli appalti che, sin dalla estate scorsa, hanno subìto la perdita di numerosi posti di lavoro e drastiche riduzioni delle ore lavorate e delle retribuzioni“. Per i sindacati “è assolutamente prioritario lavorare congiuntamente per la realizzazione di una fabbrica ecosostenibile in Italia, che assicuri una prospettiva di serenità futura e garanzie in termini di sicurezza e salute alle migliaia di lavoratori e lavoratrici che quotidianamente entrano negli stabilimenti ArcelorMittal di tutta Italia, spesso per uno stipendio al limite della sopravvivenza“. 

Abbiamo proclamato una prima azione di sciopero per l’intera giornata del 10 dicembre, con manifestazione nazionale che confluirà a Roma in quella già indetta da Cgil, Cisl e Uil. I lavoratori coinvolti sono i dipendenti di ArcelorMittal Maritime, già Ilva Servizi marittimi, e dell’indotto autotrasporto, con cui si bloccheranno le merci in entrata e in uscita dagli impianti di Genova e Taranto“. Lo dichiarano i segretari generali Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Stefano Malorgio, Salvatore Pellecchia e Claudio Tarlazzi, parlando dello stop che si aggiunge allo sciopero di 24 ore del 10 dicembre in tutti gli stabilimenti di ArcelorMittal e nell’indotto già proclamato da Fiom, Fim e Uilm. “Sconcertante ed inaccettabile – dicono – l’esubero di 6.300 lavoratori, comprendendo quelli in carico all’amministrazione straordinaria, proposto da ArcelorMittal al Mise, nonostante l’accordo del 6 settembre per il rilancio degli stabilimenti senza esuberi e una produzione ecocompatibile. Auspichiamo che l’azienda ritorni con saggezza e realismo sui propri passi“. 

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)