Consumi di Natale: le previsioni di Confcommercio

 

Moderatamente ottimista il direttore Angelo Colella, che parla di parcheggi, di gente che affolla le vie commerciali e della crisi dell'ex Ilva
pubblicato il 05 Dicembre 2019, 11:02
3 mins

Confcommercio Taranto intravede spiragli di speranza in questo periodo natalizio per il commercio locale. Lo dichiara il suo direttore Angelo Colella (nella foto a sinistra, assieme al presidente Leonardo Giangrande). “Non tenendo conto del ‘Black Friday’, una sorta di stagione dei saldi anticipata, in cui gli acquisti hanno registrato un notevole incremento soprattutto per il settore elettronico e dell’abbigliamento, per queste feste siamo moderatamente ottimisti per quanto riguarda i nostri esercenti. Stiamo infatti constatando un ritorno dei tarantini per le strade del Borgo e degli altri assi commerciali, come viale Liguria e via Cesare Battisti, opportunamente riqualificate dal Comune con una bella e originale illuminazione natalizia. La gente, infatti, sta riscoprendo il piacere di passeggiare senza accalcarsi nei centri commerciali oppure recandosi nei comuni vicini”.
Angelo Colella evidenzia la collaborazione instaurata con il Comune: “È una nota che riscontriamo con soddisfazione che caratterizza non solo questo periodo delle festività di Natale, ma che riguarderà anche i prossimi mesi, affinchè la città possa vivere tutto l’anno. Certo ci sarebbero dei problemi da risolvere, come la carenza di servizi importanti – per la mobilità e la sosta – che può vanificare il lavoro che si sta svolgendo. Sabato scorso, infatti, il transito veicolare diretto al Borgo, ma anche alle vie più commerciali, in certi momenti è risultato paralizzato: molti sono stati infatti gli automobilisti che hanno girato a lungo alla ricerca di un parcheggio, spesso inutilmente, tornandosene poi a casa. Quello dei posti auto è infatti un problema che la città si trascina da sempre. In attesa che terminino i lavori del parcheggio all’ex arena Artiglieria, dal Comune ci hanno riferito che a brevissimo termine saranno disponibili gli spazi della caserma Mezzacapo, che allevieranno senz’altro tutti questi disagi”.
Ma quello dei parcheggi è una parte dei problemi degli assi commerciali. “Certamente, dovremmo cercare di alleggerire il volume del traffico veicolare privato, incentivando l’uso del mezzo pubblico. Siamo in attesa del varo da parte dell’Amat del servizio dei bus navetta, che saranno messi a disposizione gratuitamente nei fine settimana. Sarebbe bello infatti se, per lo shopping, i tarantini iniziassero a fare a meno dell’auto privata, evitando così lo stress delle lunghe file e il patema della ricerca di un parcheggio. Speriamo che questa sia la volta buona!”, dice Angelo Colella.
Il tutto, nell’attesa degli sviluppi della vicenda dello stabilimento siderurgico. “Non nascondiamo – conclude – che siamo molto preoccupati, soprattutto per gli annunciati tagli occupazionali, i cui effetti si rifletterebbero sui consumi, con tante altre saracinesche abbassate. Le cifre delle cessazioni di attività per quest’anno sono state già più numerose del solito in conseguenza della crisi economica che attanaglia la nazione. Non vorrei che la situazione peggiorasse”.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)