Fasano-Taranto è gara già decisiva per i rossoblù

 

La quattordicesima giornata del girone H di serie D propone anche il match-clou tra Bitonto e Foggia ma il Taranto deve pensare solo a conquistare i tre punti contro il suo avversario. Con il mercato di riparazione alle porte tutti in discussione
pubblicato il 30 Novembre 2019, 14:14
2 mins

A tre mesi dall’inizio del campionato di serie D e con il mercato di riparazione alle porte per il Taranto è già tempo di sfide decisive. Domani (ore 15) a Fasano (23 punti in classifica e quarto posto), contro una delle soprese di questa prima parte di torneo, la squadra rossoblù si gioca una grossa fetta di stagione e di credibilità.

Inutile fare tanti giri di parole, inutile restare con il prosciutto davanti agli occhi come i tanti cortigiani che continuano a vestirsi con l’abito cucitogli addosso dal regime, perchè dopo aver collezionato ben cinque sconfitte in tredici gare (il resto dice 8 vittorie e nessun pareggio) è già tempo di sfide da dentro o fuori per il Taranto di Panarelli.

Il Fasano, che in casa sinora ha vinto cinque volte su sei mettendo sotto Bitonto e Foggia, ossia prima e seconda in classifica (a proposito, la giornata prevede anche lo scontro diretto tra baresi e dauni, una gara alla quale il Taranto è parecchio interessata), non è certo avversario che stende il classico tappeto rosso.

Storicamente la trasferta in casa degli adriatici non è mai stata agevole, tant’è che i rossoblù non hanno mai vinto. L’ultimo precedente è stato proprio di recente in Coppa Italia il 30 ottobre con il Taranto che perse 3-2 dopo esser stato rimontato per ben due volte.

Il distacco di cinque punti dalla vetta della classifica del girone H di serie D (il Bitonto mercoledì scorso ha vinto il match di recupero in casa con il Grumentum), impone alla squadra allenata da Panarelli la ricerca obbligata dei tre punti. Quello di domani è un esame a tutti gli effetti per ogni componente della rosa jonica. Con il mercato invernale alle porte sono tutti in discussione. Chi non se la sente di vestire questa maglia così blasonata e pesante in un ambiente depresso e incazzato, reduce da anni di sofferenze e amarezza, ha l’opportunità di chiedere di essere ceduto, chi, invece, pensa di meritare di vestire questi gloriosi colori, è il caso che lo dimostri e subito.

Condividi:
Share

Commenta

  • (non verrà pubblicata)