La frontiera – L’impegno civile dell’intellettuale Leogrande

 

pubblicato il 24 Novembre 2019, 08:03
5 mins

Mercoledì 27 novembre arriva a Taranto La frontiera – L’impegno civile dell’intellettuale Leogrande ideato e promosso dalla Cooperativa Ulixes, da Cooperativa 42, dall’Associazione Fatti d’Arte e da GUD, è un viaggio di sette workshop – accompagnati da una mostra crossmediale, laboratori di lettura animata e di scrittura narrativa per ragazzi – in sei Comuni della regione Puglia.

Il progetto è finanziato dalla Regione Puglia Coordinamento Politiche Internazionali – Sezione Relazioni Internazionali ed è dedicato alla figura di Alessandro Leogrande, alle tematiche di fortissima attualità che ne hanno caratterizzato la brillante carriera di intellettuale e alla forza con cui è riuscito, nella sua pur breve vita, a raccontare le guerre del mediterraneo, i conflitti dei Balcani, le migrazioni, lo sfruttamento dei popoli arrivati nei paesi ‘civili’ europei.

Un’intera giornata dedicata ad Alessandro Leogrande con attività in programma al Liceo Aristosseno e al Castello Aragonese con un incontro pubblico e l’inaugurazione della mostra crossmediale ‘La frontiera, sui luoghi di Alessandro Leogrande’.

Le attività in programma il 27 novembre cominceranno alle ore 15 al Castello Aragonese con una visita guidata della mostra allestita all’interno degli spazi del Castello, la visita, indirizzata agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado locali, e condotta dagli autori delle opere esposte: Lisa Fioriello e Savino Carbone sarà un’occasione di confornto con i più giovani prima dell’apertura al pubblico prevista alle ore 17 dello stesso giorno.

Alle 18 le attività si sposteranno nel Liceo Aristosseno dove si terrà il workshop ‘Notizie dal fronte meridionale’ con interventi dello scrittore e giornalista Salvatore Romeo, la presidente e direttrice artistica della Cooperativa Crest Clara Cottino, Giulia Galli presidente dell’Associazione Il Granaio/Libreria Dickens, la docente del liceo Aristosseno Lucia Schiavone; l’incontro sarà aperto dai saluti del dirigente scolastico Salvatore Marzo e moderato dal giornalista e docente Sabino Paparella.

Ogni appuntamento del progetto è un viaggio nelle tematiche affrontate dal giornalista di origini tarantine, dialoghi per raccontare l’attualità attraverso lo sguardo di associazioni locali, cooperative impegnate nel sociale, mediatori culturali a confronto con intellettuali e giornalisti come: Goffredo Fofi, Christian Raimo, Arlinda Dudaj, Marco Omizzolo, Lorenzo Pavolini e Leonardo Palmisano. I seminari di approfondimento sono, in ogni tappa, accompagnati dalla mostra crossmediale ‘La frontiera, sui luoghi di Alessandro Leogrande’ prodotta da Cooperativa Quarantadue e il Centro Documentazione e Ricerca “Moebius” che, attravero il linguaggio della fotografia e del video reportage e, avvalendosi dei contributi di intellettuali e scrittori che hanno conosciuto e collaborato con Leogrande, affronta temi e linguaggi che incarnano e raccontano la carriera dello scrittore di origine tarantine.

L’obiettivo di questo percorso è restituire la complessità dell’impegno di Leogrande e, soprattutto, l’attualità dei suoi scritti, anche attraverso le storie dei braccianti stagionali che hanno deciso di fuggire dal Gran Ghetto di Rignano Garganico, dell’umanità schiacciata al Tamburi e a Taranto Vecchia, degli operai dell’ex Ilva e analizza l’opera di Leogrande attraverso le voci di Mario Desiati, Salvatore Romeo, Yvan Sagnet, Arlinda Dudaj, Marino Sinibaldi, Goffredo Fofi, Nadia Terranova e Christian Raimo.

All’interno dell’esposizione saranno presenti trenta fotografie firmate da Lisa Fioriello e i reportage scritti e diretti da Savino Carbone.

I Comuni coinvolti nel progetto, oltre Taranto, sono: Bari, Molfetta, Terlizzi, Bisceglie e Conversano; un progetto itinerante che si avvale della collaborazione dell’Ordine dei giornalisti della Puglia. Il prossimo appuntamento è in programma al MAT di Terlizzi il 18 dicembre con un focus sul tema del caporalato in cui sarà ospite il giornalista e scrittore Marco Omizzolo.

Gli incontri sono tutti ad ingresso libero e validi come crediti formativi per i giornalisti iscritti all’ordine.

INFORMAZIONI PER L’ACCESSO ALLA MOSTRA: Castello Aragonese di Taranto | Info Point; Inaugurazione: 27 novembre, ore 17; Apertura al pubblico: 28 novembre – 1 dicembre, ore 9 – 18; Ingresso libero

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)