Università, domani senato accademico su Medicina a Taranto

 

Lo conferma l'assessore regionale allo Sviluppo economico Mino Borracino
pubblicato il 18 Novembre 2019, 21:11
2 mins

Domani il senato accademico dell’università di Bari si riunirà per decidere sulla riapertura del corso di laurea in Medicina a Taranto. Lo conferma l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Mino Borraccino. “Ho ricevuto questa mattina – scrive – la formale risposta del Rettore dell’Università di Bari, Stefano Bronzini, alla mia nota, trasmessagli nei giorni scorsi, con la quale sollecitavo l’assunzione delle determinazioni del caso da parte del Senato Accademico al fine di giungere quanto prima alla riapertura del canale formativo di Medicina e Chirurgia a Taranto, visto che lo stesso Miur ha ribadito che non ci sono ostacoli all’avvio delle attività didattiche a Taranto”.

Il rettore Bronzini ha confermato a Borraccino che “il Senato Accademico si riunirà domani, martedì 19 novembre, per assumere le determinazioni del caso su questa importante vicenda. Auspico, ora – aggiunge l’assessore regionale – il via libera definitivo da parte del massimo organo collegiale di governo dell’Ateneo barese, in modo da consentire il rapido avvio delle attività didattiche nelle aule individuate presso il capoluogo jonico, definendo così un percorso avviato da tempo. Con l’avvio del canale formativo di Medicina e Chirurgia a Taranto si raggiunge un importante obiettivo strategico del nostro programma, a conferma della grande attenzione e della centralità che tutto il Governo regionale, a cominciare dal Presidente Michele Emiliano, riconosce a Taranto, soprattutto in un momento così delicato per tutto il suo tessuto sociale. Ringrazio, infine, il Rettore Bronzini per il lavoro che sta compiendo e per la collaborazione istituzionale che sta assicurando”.

(leggi articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/11/13/universita-mercoledi-riprendono-lezioni-medicina/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)