Amazzonia, ultima chiamata

 

Rinviato l'incontro al 'Pacinotti' con l'arcivescovo mons.Filippo Santoro e l'ex reporter Rai Franco Guarino
pubblicato il 12 Novembre 2019, 08:08
3 mins

L’incontro – ‘Amazzonia ultima chiamata. Testimonianze di ieri e di oggi sul polmone verde della Terra’ – organizzato dalla Fondazione Oro6 per il Sociale assieme all’IISS ‘Pacinotti’ e la collaborazione dell’Arcidiocesi di Taranto – è stato rinviato a data da destinari. L’appuntamento, previsto per domani mercoledì 13, nell’Aula Magna dell’Istituto, guidato dal Dirigente scolastico prof.Vito Giuseppe Leopardo, in seguito alla nuova ordinanza di chiusura delle scuole per maltempo sarà riproposto non appena sarà possibile.

Una lunga scia di sangue attraversa l’Amazzonia decimando le tribù indigene impegnate a proteggere la foresta dai taglialegna illegali. Paulo Paulino Guajajara, un guerriero della omonima tribù del nord del Brasile, è stato ucciso in un agguato teso da un gruppo di disboscatori fuori legge. Un altro giovane guerriero è stato ferito, ma è riuscito a fuggire. Paulo, che aveva solo 20 anni e un figlio piccolo, a settembre aveva detto in un’intervista all’agenzia Reuters che l’attività di protezione della foresta era diventata pericolosa ma che la sua tribù non avrebbe mai ceduto alla paura.
I Guajajaras, uno dei più numerosi gruppi indigeni del Brasile, che conta oltre 20 mila membri, hanno costituito il gruppo dei “Guardiani della Foresta” nel 2012 per individuare e bloccare l’opera di disboscamento illegale dei taglialegna. Ad agosto del 2018 era stato ucciso anche Jorginho Guajajara, il leader della tribù. Secondo il Guardian sono circa 80 i “guardiani dell’Amazzonia” ad aver trovato la morte per mano dei taglialegna dal 2000. Sono molte in America Latina le comunità indigene impegnate a proteggere la foresta amazzonica dai taglialegna che usano spesso dar fuoco alla vegetazione per rendere la zona più adatta alla speculazione economica.
Il fuoco, appunto, che sta devastando la foresta amazzonica. Se ne parlerà incontrando, nell’Aula Magna dell’IISS ‘Pacinotti’ di Taranto, l’arcivescovo di Taranto mons.Filippo Santoro e l’ex reporter della Rai Franco Guarino.
Mons.Santoro è uno dei padri sinodali che hanno tenuto, a Roma, convocata da Papa Francesco, a ottobre, una conferenza sull’Amazzonia, da cui è partito un grido d’allarme al mondo. Ascolteremo la sua testimonianza, anche per aver vissuto anni in Brasile e conoscendo perciò direttamente i problemi di quella Terra così lontana ma mai così vicina in questi momenti drammatici.
Franco Guarino è stato per anni testimone del tempo, viaggiando in lungo e in largo nel mondo per raccontare i problemi che affliggono la nostra società. In uno dei tanti viaggi come reporter, ha vissuto direttamente l’esperienza amazzonica, incontrando le popolazioni e parlando con gli indios, che da decenni vivono gli attacchi degli speculatori e tentano, come già accennato, disperatamente di difendere la loro terra anche a costo della propria vita.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)