Era stato espulso, rientra clandestinamente con l’Alan Kurdi: in manette un nigeriano

 

pubblicato il 04 Novembre 2019, 13:53
19 secs

Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Taranto, in collaborazione con i militari della Guardia di Finanza, nel corso delle fasi di identificazione dei profughi giunti ieri nel porto di Taranto a bordo della motonave “Alan Kurdi”, hanno tratto in arresto un cittadino nigeriano di 37 anni, destinatario di un decreto di espulsione dal territorio italiano con il divieto di ritornare in Italia per un periodo di cinque anni.
Grazie al supporto delle banche dati in uso alle Forze di Polizia, gli agenti hanno rilevato che il cittadino extracomunitario aveva a suo carico numerosissimi precedenti penali, tra i quali, nell’aprile del 2014, anche un arresto a Casal di Principe, in provincia di Caserta, per spaccio di sostanze stupefacenti.
L’uomo nel 2015, a seguito del decreto di espulsione, era stato imbarcato su un volo di linea per Lagos: ieri il tentativo di rientrare nel territorio nazionale .
Espletate le attività burocratico-amministrative, l’uomo è stato arrestato e condotto presso la Casa Circondariale.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)