Collinette: Battista, Corvace e Fornaro chiedono le dimissioni dell’assessore Cinquepalmi

 

pubblicato il 09 Ottobre 2019, 14:25
2 mins

I consiglieri comunali Battista, Corvace e Fornaro chiedono le dimissioni dell’assessore all’Istruzione Deborah Cinquepalmi. Motivo: una dichiarazione ritenuta “non vera” rilasciata dalla Cinquepalmi alla trasmissione televisiva ‘Presa diretta‘, in onda ieri su Raitre. Ecco cosa sostengono i tre consiglieri: “Lunedì durante la trasmissione ‘Presa diretta’ in onda su Rai tre, l’assessore Cinquepalmi, con delega all’istruzione e all’edilizia scolastica, affermava che nelle scuole a ridosso delle collinette ecologiche sono stati svolti lavori di bonifica da parte di Ilva. Nessuna bonifica è stata effettuata così come da normativa di legge, così come non è stata fatta la caratterizzazione né la valutazione del rischio sanitario, cosi come previsto dal testo unico ambientale (articolo 152 del 2006). Procedure normate che nel caso di siti inquinati possono scongiurare l rischio sanitario, in questo caso per i bambini e per chi lavora in quelle scuole. I rifiuti industriali tombati, nel corso degli anni, sono ancora lì e gli unici lavori svolti riguardano la copertura mediante fibra di cocco, delle aree esterne alle scuole, per evitare spolverii, che hanno comportato la chiusura delle scuole. Questa operazione è solo una messa in sicurezza, nessuna bonifica. Va inoltre ricordato che le bonifiche per le aree interne sono in carico al commissario straordinario per le bonifiche Vera Corbelli. Non è possibile affermare il falso in una trasmissione su rete nazionale, per sviare l’attenzione da un problema importante come la salute dei bambini e dei cittadini che abitano a ridosso delle scuole. L’Assessore dovrebbe scusarsi con i cittadini del quartiere Tamburi e rassegnare le dimissioni, i problemi vanno risolti con i fatti, di certo non millantando interventi mai effettuati”.
I tre consiglieri hanno anche allegato il video della trasmissione.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)