‘Trofeo del Mare’, numeri da record

 

Presentata la terza edizione, che prende il via sabato. Oltre 500 gli atleti-studenti, un numero infinito di gare di tutti gli sport marittimi
pubblicato il 04 Ottobre 2019, 18:52
5 mins

Oltre 500 studenti delle terze, quarte e quinte classi degli Istituti Nautici coinvolti. Un numero infinito di gare di tutti gli sport marittimi, con particolare attenzione per la vela, il nuoto in mare aperto e la vela. Quindici giorni di gare dal 5, giorno della cerimonia inaugurale e dell’avvio ufficiale, al 15 ottobre.
Sono solo alcuni dei numeri della terza edizione del Trofeo del Mare, che nasce dalla collaborazione tra la Marina Militare ed il Comune di Taranto, e con il supporto fattivo della Conad, sponsor principale della manifestazione.
La manifestazione, per la quale ebbe tre anni fa una felice intuizione l’ammiraglio di Squadra Eduardo Serra, oggi capo di stato maggiore del settore sud della Marina, e poi proseguito dall’ammiraglio di squadra Salvatore Vitiello, entrambi presenti alla cerimonia di presentazione della manifestazione, insieme a tutto il gotha della Marina Militare a Taranto. Il Comune di Taranto era rappresentato anche dall’onnipresente assessore Fabiano Marti, ed al tavolo della presentazione insieme alla rappresentante del Miur, che ha promosso nelle scuola l’iniziativa, vi erano l’amministratore delegato della Conad Francesco Pugliese, e per il Coni Michelangelo Giusti.
Quest’anno la manifestazione assume un respiro regionale, mentre per le prime due edizioni era rimasto nei confini provinciali. Infatti gli studenti atleti, che crediamo solo a parole si ispirano al motto di Pierre De Cubertin, ma che hanno evidentemente in animo il sacro fuoco della competizione e della vittoria, oltre che da Taranto, come si diceva, quest’anno provengono anche dagli istituti di Bari, Molfetta e Gallipoli, allargando così la partecipazione. Francesco Pugliese, che per quei pochi che non lo sapessero è tarantino doc, ha spiegato la partecipazione di Conad come un contributo per portare all’attenzione nazionale la città per qualcosa che non siano i problemi e le vertenze ormai diventati ripetitivi. Anzi propri a questo proposito l’amministratore delegato dell’azienda della grande distribuzione, non ha perso l’occasione per bacchettare sonoramente il presidente della Giunta regionale Emiliano, rimproverandogli di essersi accorto solo quest’anno, come ha detto “con la barca varata ed avviata”, mentre i due anni precedenti ha lasciato che una manifestazione di così ampio respiro, fosse confinata all’interno della città e della provincia.
Vela, canottaggio e varie specialità della canoa, nonché nuoto in acque libere, avranno come campo di competizione le acque dei due mari di Taranto, dove saranno allestite boe e quant’altro occorre per i diversi percorsi di gara.
Come è stato sottolineato l’idea che accomuna tutti gli organizzatori, oltre che a fare avvicinare gli studenti alle discipline sportive marinaresche, è quella di far comprendere ai ragazzi che fare squadra, o meglio equipaggio, può aiutare nello sport come nella vita. Rapportarsi con gli altri, anche in un sano e leale confronto competitivo che può preparare a superare da solo o in “squadra”, le avversità della vita. Benché a proprie spese poi dovranno anche imparare che non sempre leale è la competizione quotidiana ed il confronto.
Per concludere due annotazioni importanti: la prima riguarda il 150esimo anniversario del faro di Taranto che sarà adeguatamente celebrato nel corso di una serie di iniziative oggi in programma proprio all’interno della manifestazione. L’altra riguarda Benedetta Pilato, la campionessa italiana di nuoto, argento ai recenti mondiali, della quale solo ora si sono accorti a Bari e ne fanno un gran parlare. La promessa ormai certezza del nuoto italiano non potrà essere presente alla cerimonia di apertura del ‘Trofeo del Mare’, ma ha garantito la propria partecipazione il 18 ottobre nella serata dedicata agli studenti in un serrato confronto con altri atleti.
Partendo da Piazza Maria Immacolata il 5 mattina sfilata degli equipaggi e degli atleti partecipanti. Subito dopo l’inizio delle gare.

di Gigi Montenegro

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)