Ex Ilva, Task Force su vertenza Castiglia. Azienda assente

 

Riguarda i 201 lavoratori del gruppo di Massafra per cui la società ha avviato la procedura collettiva di licenziamento. Arcelor assente
pubblicato il 03 Ottobre 2019, 17:07
2 mins

Si svolgerà domani la riunione della Task Force regionale sull’occupazione per fare chiarezza sulla vicenda dei circa 200 lavoratori del gruppo Castiglia di Massafra impiegati presso l’impianto siderurgico di Taranto in attività di pulizia, trasporto e servizi.

Nel corso dell’incontro, “al quale parteciperò nella mia qualità di assessore allo Sviluppo Economico e rappresentante istituzionale del territorio – afferma Mino Borracino – chiederemo precise garanzie per tutto il personale che non può pagare sulla propria pelle il cambio dell’appalto tra la precedente ditta e le nuove cinque imprese che gestiranno gli stessi servizi, né può subire il ricatto occupazionale con il passaggio dal contratto metalmeccanici (che offre maggiori tutele e garanzie per i lavoratori) a quello “multiservizi” che, in realtà, tutela soprattutto l’azienda. Auspico il massimo senso di responsabilità da parte di tutti i soggetti coinvolti in modo da risolvere una vertenza che sta destando grandi preoccupazioni a circa 200 lavoratori e alle loro famiglie che guardano con crescente incertezza al futuro – conclude Borracino –. Per quel che mi compete, assicuro il massimo impegno del Governo regionale al loro fianco in modo da superare le attuali criticità e giungere alla conservazione dei livelli occupazionali esistenti e delle attuali garanzie contrattuali“.

“Apprendiamo con rammarico la notizia diramata dai vertici aziendali di ArcelorMittal dell’assenza di domani alla riunione della Task Force regionale per l’occupazione, convocata per la vertenza che interessa i lavoratori della ditta Castiglia”, ha poi annunciato poco dopo l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Cosimo Borraccino. “Ancora una volta – aggiunge Borraccino – l’azienda si sottrae ad un confronto istituzionale. Lo scriviamo con dispiacere, ci saremmo aspettati invece un confronto leale e costruttivo ma siamo costretti a prendere atto dell’assenza dell’azienda a questo incontro che la Regione Puglia domani ha convocato con l’azienda e con i sindacati, che naturalmente esigeva la presenza di tutte le parti in causa“.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)