Martina Franca: sfruttava mungitore 7 giorni su 7, denunciato

 

Pagava 600 euro/mese per 12 ore di lavoro al giorno, senza ferie e riposo, anche come operaio, giovane della Nuova Guinea
pubblicato il 27 Settembre 2019, 16:26
22 secs

E’ accusato di aver impiegato come mungitore e operaio un immigrato della Nuova Guinea, retribuendolo con 600 euro mensili per 11-12 ore di lavoro al giorno, 7 giorni su 7, senza giorni di ferie o di riposo. Per sfruttamento del lavoro è stato quindi denunciato dalla Polizia il titolare di un’azienda agricolo-zootecnica di Martina Franca (Taranto), nell’ambito dei servizi anticaporalato della task force voluta dal Questore di Taranto, Giuseppe Bellassai, in collaborazione con il personale dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro e dell’Asl. In un locale adibito a deposito di mangime e attrezzi vari, era stato realizzato un vano destinato ad alloggio, dove dormiva l’operaio. La stanza, secondo quanto riferisce la Questura, “era angusta, maleodorante, poco areata e occupata quasi interamente da tre letti e da un frigo non funzionante, utilizzato come armadio. Il bagno destinato all’igiene personale, era attiguo all’abitazione-ricovero, in condizioni igieniche altamente precarie“. L’operaio era assunto dall’azienda ma destinatario di un provvedimento di rigetto del rinnovo del permesso di soggiorno per motivi umanitari emesso dal Questore di Foggia.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)