Ex Ilva ArcelorMittal, sindacati metalmeccani scrivono a neo ministro MiSE

 

Richiesta assume un camere di estrema urgenza rispetto alla vertenza Ilva-AM
pubblicato il 13 Settembre 2019, 16:59
27 secs

Le segreterie nazionali di Fim, Fiom e Uilm hanno inviato al neo ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli una richiesta di convocazione urgente per la verifica complessiva del settore metalmeccanico. “In riferimento ai tavoli di crisi industriali – scrivono Marco Bentivogli (Fim), Francesca Re David (Fiom) e Rocco Palombella (Uilm) – aperti presso il vostro Ministero (llva-AM, Whirlpool, Embraco. BIutec. Aferpi. Ferriera Servola, ex Acoa, Bekaert, Industria italiana Autobus, Jabil), siamo a chiedervi un incontro di verifica complessiva del settore. Riteniamo necessario evidenziarvi – aggiungono – che la nostra richiesta assume un camere di estrema urgenza rispetto alla vertenza Ilva-AM per la quale potrebbe sussistere a breve una condizione di interruzione di una significativa parte della attività dell’area a caldo, con conseguente risvolto occupazionale“. Il riferimento è al possibile spegnimento dell’Afo2, ordinato dalla magistratura per la mancata ottemperanza ad alcune prescrizioni imposte dopo l’incidente del 2015 costato la vita all’operaio Alessandro Morricella. È stata peraltro prorogata la cassa integrazione ordinaria per ulteriori 13 settimane, a partire dal 30 settembre, che interesserà un numero massimo giornaliero di 1395 dipendenti.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)