Università, da ottobre Medicina e Chirugia a Taranto

 

Il 14 ottobre l'attività didattica. Oggi la Conferenza dei Servizi decisoria asincrona ultimo passaggio. Soddisfazione di enti e istituzioni
pubblicato il 11 Settembre 2019, 16:09
5 mins

Partirà il prossimo 14 ottobre 2019 l’attività didattica del corso di laurea in Medicina e Chirurgia a Taranto. Sessanta nuove matricole frequenteranno le lezioni nella sede della Cittadella della Carità. Oggi, nell’auditorium del Padiglione Vinci dell’ospedale ‘SS. Annunziata’ di Taranto, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha presieduto la riunione di insediamento della Conferenza dei Servizi Decisoria, in forma simultanea sincrona, per l’esame contestuale del progetto finalizzato all’istituzione e sviluppo del Corso di Laurea allo scopo di acquisire i relativi pareri, intese, nulla-osta, concessioni, autorizzazioni ed assensi.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/09/09/universita-medicina-a-taranto-via-conferenza-servizi2/)

L’istituzione nel Polo universitario ionico del corso di laurea di Medicina e Chirurgia, dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, è stata decretata dal Miur al termine di un lungo iter procedurale, che ha visto quali attori protagonisti la Scuola di Medicina, l’Università degli Studi di Bari, la ASL di Taranto, il Comune di Taranto, la Regione Puglia e l’Anvur (Agenzia nazionale di valutazione del sistema universitario e della ricerca).

Dall’anno accademico 2019-2020 quindi, sessanta studenti potranno frequentare il corso a Taranto, senza essere costretti a migrare verso sedi distanti. Alla conferenza decisoria hanno partecipato, il direttore generale dell’Asl di Taranto Stefano Rossi, il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci, il presidente della Provincia Giovanni Gugliotti e l’arcivescovo di Taranto Filippo Santoro.

Siamo molto contenti perchè è una cosa importante per questa città e lo scopriremo nei prossimi anni, man mano che il corso si strutturerà, che gli studenti non solo cresceranno ma magari cominceranno a specializzarsi qui e con l’avvento dell’ospedale San Cataldo si spera finalmente che si possa entrare in un’era di eccellenza della sanità importante“. Lo ha detto all’ANSA il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci commentando l’avvio del corso di Laurea in Medicina e Chirurgia nella sede decentrata del polo universitario jonico dell’Università Aldo Moro di Bari.

La compartecipazione finanziaria del Comune di Taranto sta trovando attuazione attraverso i bandi di concorso per la copertura delle posizioni di ricercatore, finanziati dalla convenzione. L’Università Aldo Moro e la Scuola di Medicina hanno già preso i provvedimenti necessari per inserire i 60 posti di Taranto nel processo di selezione in atto e per l’attivazione della didattica a partire dal 14 ottobre 2019. “Il Comune – ha aggiunto Melucciha aperto la strada a un accordo di programma importante e impegnativo con l’Università per l’avvio del corso di Laurea in Medicina, impegnando risorse. Poi si sono aggiunti altri enti giustamente e per fortuna. Siamo soddisfatti del traguardo raggiunto“. Per il direttore generale dell’Asl Stefano Rossi si tratta di un “grandissimo progetto. Abbiamo avuto una visione: portare qui la Facoltà di Medicina per dare una risposta alle note emergenze epidemiologiche e ambientali che purtroppo tutti conosciamo” riporta l’ANSA.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/09/09/si-rafforza-il-rapporto-tra-taranto-e-luniversita/)

Ovviamente noi stiamo cercando di investire su questa città in tutti i modi possibili: in cultura, in sport, in competenze. Abbiamo preso degli impegni per consentire agli studenti della provincia di Taranto di avere dei corsi di laurea anche qui e ovviamente questo deve fare coraggio alla città, che è la figlia prediletta in questo momento della Puglia per una serie di ragioni che anche nelle altre province vengono comprese, al di là del campanilismo“. Questo quanto dichiarato all’ANSA dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. “Tutti i pugliesi, tutti gli italiani mi auguro, sono stretti – ha aggiunto – attorno a questa città, che è il cuore del nostro principale interesse“. Il governatore ha anche visitato il Centro Ospedaliero Militare di Taranto, accompagnato dal magnifico rettore dell’Università di Bari e dal presidente della Facoltà di Medicina. “L’ospedale della Marina militare – ha osservato Emiliano – è già una parte importantissima di questa comunità e stiamo cercando di collaborare con la Marina per rinforzare questa struttura ed aprirla anche alla cittadinanza“.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)