Ex Ilva, incontro sull’appalto tra ArcelorMittal e sindacati. Si cerca strada comune

 

Presso gli uffici della Direzione, l’incontro tra il Direttore acquisti e i responsabili relazioni industriali di ArcelorMittal e Fim, Fiom e Uilm
pubblicato il 10 Settembre 2019, 16:10
53 secs

Si è svolto questa mattina presso la Direzione dello stabilimento siderurgico, l’incontro tra il Direttore acquisti e i responsabili delle relazioni industriali di ArcelorMittal e le organizzazioni sindacali in merito alla situazione appalto. L’incontro odierno è servito a fare chiarezza ed avere delucidazioni in merito al processo di riorganizzazione che coinvolge migliaia di lavoratori dell’indotto.

(leggi qui per comprendere cosa sta accadendo nell’indotto dell’ex Ilva https://www.corriereditaranto.it/2019/08/20/governo-conte-si-dimette-taranto-e-ilva-in-attesa2/)

Fim, Fiom e Uilm hanno richiesto una mappatura delle aziende e dei lavoratori che operano all’interno dello stabilimento di Taranto con relativo prospetto delle attività per settore e applicazione del contratto nazionale di riferimento.

Inoltre, è stato chiesto l’istituzione di un bacino occupazionale dei lavoratori interessati necessario a tutelare la professionalità di ogni singolo lavoratore, attraverso la salvaguardia occupazionale, con condizioni normative, contrattuali ed economiche di riferimento che non subiscano variazioni durante l’eventuale cambio di appalto.

Riteniamo fondamentale ribadire, così come fatto durante l’incontro odierno, che la questione dell’indotto di Arcelor Mittal deve aprire una nuova fase di monitoraggio costante e di trasparenza al fine di traguardare qualsiasi nuova iniziativa aziendale senza stravolgimenti per i lavoratori interessati – affermano i sindacati metalmeccanici di Taranto in una nota congiunta -. Le parti si aggiorneranno nei prossimi giorni per ulteriori approfondimenti in merito alle richieste sindacali emerse durante l’incontro odierno“.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)