Il Taranto passa il turno di Coppa battendo di rigore l’Altamura

 

Il tecnico Ragno ammette: "Buono solo il risultato. Fisicamente siamo andati in affanno". In arrivo un esterno di centrocampo over ed un difensore under.
pubblicato il 25 Agosto 2019, 20:23
3 mins

Davanti a circa 1500 eroici spettatori – andare allo stadio in una sciroccoso pomeriggio di agosto merita un elogio- il Taranto passa il primo turno di Coppa Italia Dilettanti battendo per 1- 0 l’Altamura grazie ad un calcio di rigore realizzato dal solito Genchi al minuto 21 del primo tempo.

Trattandosi di calcio d’agosto, giocato tra l’altro con percentuali d’umidità elevate in campo, il match odierno lascia il tempo che trova anche se la squadra rossoblù allenata da Ragno non ha fatto una buona impressione sia dal punto di vista del gioco che da quello della condizione fisica concedendo qualche occasione di troppo all’Altamura per poter pareggiare.

Il neo-allenatore del Taranto, apparso tirato in viso nella conferenza stampa post gara, ha spiegato che la sua squadra ad un certo punto del match è andata in debito d’ossigeno, commettendo diversi errori: ”Siamo calati fisicamente, abbiamo concesso qualche metro di troppo ai nostri avversari, abbiamo forzato spesso la giocata sbagliando parecchi passaggi e siamo stati anche poco efficaci sulle seconde palle, arrivavamo in ritardo sulle scalature e le nostre maglie si sono allargate concedendo diverse occasioni all’avversario, il che non è abitudine delle mie squadre. Prendiamo di buono solo il risultato ed il fatto di non aver preso gol.

Il pensiero corre al campionato che comincia domenica prossima con il match contro il Brindisi allo Iacovone e Ragno sa che il Taranto deve essere subito protagonista: “Da martedì si pensa al campionato. Il nostro obiettivo è un solo: arrivare primi. Leggo che ci danno tutti per favoriti, è anche normale che sia così ed è altrettanto normale che molte squadre si nascondano dietro di noi ma credo che sarà un torneo difficilissimo dove oltre al Taranto partono sulla stessa riga Casarano, Andria, Foggia, Bitonto. Saranno 34 partite, ogni gara sarà un esame e sappiamo che nessuno ci regalerà niente. Sarà importante mantenere il giusto equilibro fisico e mentale sino al termine della stagione”.

Infine uno sguardo al mercato: “Ci mancano due giocatori per avere una rosa coperta in ogni ruolo. In settimana potrebbero esserci delle novità anche se siamo alla ricerca elementi che siano adatti alla piazza. Ci mancano un esterno over ed un under da affiancare al difensore Ferrara”.

 

 

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)