Asl Taranto, liste d’attesa: tempi lunghissimi

 

La conferma sul sito ufficiale. Vico (Pd): "Gestione sanitaria pubblica inadeguata"
pubblicato il 11 Agosto 2019, 09:27
3 mins

I tempi di attesa per le prestazioni strumentali e radiologiche ospedaliere (Tac, Risonanze Magnetiche, etc.) priorità “D” (la legge dice che devono esaurirsi entro 30giorni), viaggiano mediamente dai 100gg ai 200gg: “risonanza magnetica nucleare della colonna” 634gg; “tomografie” 113gg; “colonscopie” 196gg; “spirometrie” 125gg; “biopsie endoscopiche” 196gg etc. Questi dati sono pubblicati sul sito Asl Taranto, a ricordarlo è l’ex parlamentare del Pd Ludovico Vico.
A fronte dei tempi di attesa lunghissimi del servizio pubblico, scrive in una nota Vico, “la Asl Taranto acquista le prestazioni radiologiche e cardiologiche priorità “D” dalle cliniche private accreditate (Villa Verde, Bernardini, D’Amore, San Camillo, Studio Radiologico “Ostilio, Cittadella della carità, Villa Bianca, Radiologia “San Giorgio”) dove i tempi di attesa – miracolosamente – non sono mai superiori ai 10-20 giorni”.

Nell’Asl di Taranto, “i privati accreditati hanno le macchine sanitarie ed il personale, il servizio pubblico NO! I privati accreditati hanno 614 posti letto (40%) e il servizio pubblico 899 posti letto (60%). Il servizio pubblico chiude i pronto soccorso e riduce i Punti Nascita, i privati accreditati non hanno i pronto soccorso e neanche le rianimazioni. L’impressione, ormai, è quella che con i soldi del Servizio Sanitario Nazionale si finanzi la sanità privata”.

Al servizio pubblico sanitario dell’Asl di Taranto, è evidente, mancano le macchine e le apparecchiature e quelle operative sono prevalentemente vetuste: “Dott. Rossi (direttore generale Asl-Ta) che fine hanno fatto i 70 milioni di euro, destinati alla Asl di Taranto, della Legge (Resto al Sud) n.243 del dicembre 2016? Personalmente sono stato protagonista di quel provvedimento per la mia terra. Sono passati 32 mesi dalla Legge e 20 mesi dal Protocollo d’Intesa tra Governo Gentiloni e Regione Puglia. Vorrei ricordare che 46 milioni di euro di quei 70 sono stati destinati specificatamente per la radiologia, per la Piastra Endoscopica, per la Radioterapia, per la medicina Nucleare, per gli ecografi, per i tomografi di ultima generazione, strumenti per la Risonanza Magnetica ad alto campo e per la Tomografia, portatili per la radioscopia etc. Quando la rendicontazione dettagliata sarà resa dalla Asl Taranto e dalla Ragione Puglia? Eppure è evidente che le nuove apparecchiature sono decisive per la sanità pubblica”.

Infine sui tempi di attesa, presso il Servizio Pubblico sanitario, per “ le Visite Mediche” il quadro è il seguente: Neurologia 20-60 giorni; Oculistica 10-23gg; Pneumologia 10-39gg; Otorinolaringoiatra 31-42gg etc: “Le stesse visite mediche in “Intramoenia” (Alpi) a pagamento, miracolosamente, hanno tempi di attesa tra 1 giorno e massimo 10 giorni. La rendicontazione bimestrale sulle Liste di Attesa rende, plasticamente, la situazione del Servizio Pubblico Sanitario nelle proprie Asl. La cura e la prevenzione della salute dei cittadini sono un diritto in capo al Servizio Sanitario Nazionale e Regionale Pubblici”.

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)