Il ‘Cinzella Festival’ apre con le Immagini. Al Castello Aragonese

 

pubblicato il 10 Agosto 2019, 17:47
5 mins

Ci vuole passione, coraggio e tanti sacrifici per investire e credere nella cultura, in un territorio come il nostro dove non è mai stato semplice, organizzare ed investire in un settore che per molto tempo è stato considerato complementare allo sviluppo della città.
Dai mitici anni ’80, che videro Taranto al centro della musica in Puglia con i live di tanti gruppi emblematici della new wave, siamo tornati adesso al centro dell’attenzione nazionale, grazie alle due recenti tappe joniche del Medimex. Il festival itinerante è stato per Taranto, il volano di una ritrovata consapevolezza nei propri mezzi e ambizioni, in un territorio da sempre e storicamente votato alla cultura musicale e sociale.
Per il terzo anno consecutivo, l’Associazione Culturale AFO6 “Convertitori di idee”, organizza il Cinzella Festival che dopo la prima edizione, presso la Masseria Carmine, torna per il secondo anno consecutivo, nella suggestiva quanto appropriata cornice delle Cave di Fantiano a Grottaglie.
Anche quest’anno, sotto, la direzione artistica del “nostro” Michele Riondino, la collaborazione con l’Associazione Vicoli Corti e con il Patrocinio di Apulia Film Commission, il Festival sarà aperto dalla sezione Immagini, dedicata al cinema, che quest’anno si svolgerà nei cortili del prestigioso Castello Aragonese di Taranto, dall’11 al 13 agosto, anticipando quindi il “Cinzella Suoni” che si terrà dal 17 al 20 agosto.
La connessione fra le immagini e la musica con proiezioni di pellicole, ed anteprime nazionali, sonorizzazioni live ed approfondimenti con ospiti, anche quest’anno sarà estremamente curata e ricercata.
Si parte l’undici agosto con la pellicola del regista Mike Christie, che celebra l’iconica band dei New Order, con “Decades” (UK 2018 – 85’) testimonianza filmica del percorso quarantennale della seminale band di Manchester. Il film ripercorre le tappe del gruppo fino dagli esordi, quando nacquero come Joy Division con il suo compianto leader Ian Curtis, un document movie bilanciato fra il passato e il futuro, con uno dei gruppi cardine del movimento punk-wave britannico. Oltretutto uscirà a breve un doppio album antologico dei New Order, che ripercorre la storia narrata attraverso il film “Decades”.
A seguire nella stessa serata, la sonorizzazione live del musicista, compositore ed autore di tante colonne sonore: Teho Teardo (chitarre e elettronica), che accompagnato dal vivo da Stefano Azzolina (viola) e da Vanessa Cremaschi (violino), si confronterà con tre lavori del geniale artista americano Man Ray, musicando dal vivo Le Retour à la Raison (1923), Emak Bakia (1926) e L’etoile de Mer (1928). Teardo è uno dei più apprezzati autori di soundtracks per il cinema italiano di qualità, varie volte si è esibito in Puglia con progetti originali, soprattutto ospite del festival barese Time Zones.
Il 12 agosto, incontro con il regista Giangiacomo De Stefano e proiezione in anteprima nazionale del suo documentario “At The Matinée” (USA-It.-Germania 2018 – 83’). Un viaggio nel mondo della scena punk hardcore newyorkese attraverso i luoghi e i protagonisti della scena.
Alle 22.30, a seguire l’incontro con il fondatore di Good Vibrations Terri Hooley e la proiezione della pellicola biografica “Good Vibrations” (GB-Irlanda 2012-103’), regia di Lisa Barros D’sa e Glenn Leyburn.
Due le proiezioni anche il 13 agosto, partendo con l’incontro con Rodrigo D’Erasmo e Giorgio Testi autore del docufilm “Noi siamo Afterhours” (It. 2018 – 103′) che ripercorre i trent’anni di carriera di una delle rock band italiane più amate ed influenti, gli Afterhours con il suo leader e frontman Manuel Agnelli, molto legato alla città jonica.
La seconda pellicola “BOOM! A Film About the Sonics” (Usa 2018 – 84′) è del regista Jordan Albertsen che ripercorre la storia della band statunitense dei Sonics, nata negli anni ’60. Il film racconta degli esordi e delle origini dei Sonics, e dell’influenza esercitata dalla loro musica, su artisti come Bruce Springsteen, White Stripes e i primi Nirvana. Le testimonianze, gli aneddoti e le curiosità sono rese da musicisti, registi e produttori intervistati.
A chiudere la serata il live “The Garagemen”.
Dall’undici agosto per tre serate quindi, la proiezione di due film introdotti e accompagnati dagli incontri con gli autori o i protagonisti, una ottima occasione per vedere delle pellicole fuori dai circuiti tradizionali con anteprime nazionali, provenienti dai più importanti festival internazionali di settore. È un buon prologo ai live delle Cave di Fantiano.
Ingresso gratuito/info: https://www.cinzellafestival.com

 

di Franzi Baroni

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)