Ex Ilva, richio esplosione in Acciaeria 1 dell’impianto di Taranto

 

Denuncia dell'Usb durante la fase di conversione della ghisa in acciaio nel Convertitore 2
pubblicato il 06 Agosto 2019, 17:52
20 secs

Una grave perdita di acqua nel cono/anellone esterno durante la fase di conversione della ghisa in acciaio nel Convertitore 2 in Acciaieria1 dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto. La denuncia arriva dai delegati USB, RLS D’Amone e RSU Masella, “che segnalano come nonostate la loro segnalazione, il caporeparto abbia consentito il caricamento del convertitore e conseguente colata in una situazione di serio rischio che poteva causare una esplosione con il contatto tra acqua e acciaio liquido, coinvolgendo i lavoratori“.

Dopo aver contattato lo Spesal – dichiara Francesco Rizzo, coordinatore provinciale USB – non si è reso disponibile  nessuno per intervenire in questa situazione che ha posto a serio rischio i lavoratori e non ci rimane, quindi, che contattare Carabinieri e Vigili del Fuoco esterni all’azienda. Per i lavoratori dello stabilimento ArcelorMittal di Taranto recarsi sul posto di lavoro rappresenta un serio pericolo e significa affidare la propria vita alla fortuna tra impianti che andrebbero fermati immediatamente perché rappresentano totale carenza di sicurezza” conclude.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)