Emergenza rifiuti: sino a settembre FORSU negli impianti TMB

 

Parte della frazione organica del rifiuto solido urbano negli impianti di trattamento meccanico biologico
pubblicato il 31 Luglio 2019, 16:32
3 mins

EMERGENZA RIFIUTI IN PUGLIA: PROROGA DELL’ULTIMA ORDINANZA FINO AL 30 SETTEMBRE

Fino a fine settembre, parte della FORSU, la frazione organica del rifiuto solido urbano, che non trova collocazione in impianti regionali ed extra-regionali potrà essere conferita presso impianti TMB, di trattamento meccanico biologico, attivi sul territorio regionale. E’ quanto ha stabilito l’ordinanza siglata ieri dal Presidente della Giunta Regionale, Michele Emiliano, che di fatto proroga di 60 giorni quella del 23 giugno scorso sulle “misure di sostegno al recupero della frazione organica raccolta in maniera differenziata e prodotta dai Comuni Pugliesi”.

L’ordinanza è frutto dell’incontro che si è tenuto nei giorni scorsi nella sede dell’assessorato regionale alla qualità dell’Ambiente, a cui hanno partecipato l’assessore regionale all’Ambiente Gianni Stea, il dirigente della sezione rifiuti e bonifiche della Regione Puglia, Gianni Scannicchio, i rappresentanti dell’Ager, l’Agenzia Territoriale della Regione Puglia per il Servizio di Gestione dei rifiuti, dei dipartimenti di prevenzione Asl di tutte le province pugliesi, e dell’Arpa Puglia, l’Agenzia regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale.

Da giugno, abbiamo fatto significativi passi avanti verso una progressiva stabilizzazione dell’interno sistema di gestione dei rifiuti organici – hanno dichiarato in una nota congiunta il presidente Emiliano e l’assessore Stea – grazie soprattutto alla ripresa dell’esercizio dell’impianto di Deliceto, a servizio del Comuni dei Monti Dauni, e dell’impianto di compostaggio di Taranto, dove sono stati conclusi i lavori di manutenzione straordinaria. Fino a settembre, tuttavia, l’invio della FORSU negli impianti TMB appare ancora la soluzione ambientale più sostenibile, in grado di scongiurare rischi igienico-sanitari dovuti alla mancata raccolta di rifiuti organica nella stagione estiva“.

Questo significa che continueranno presso le due discariche di Manduria, Eden 94 e ManduriAmbiente, i conferimenti dei rifiuti prodotti da sedici comuni del brindisino e diciassette del tarantino.

L’ordinanza prevede, inoltre, una serie di prescrizioni per garantire la tracciabilità dei rifiuti e consentire eventuali controlli, oltreché specifiche misure per la corretta gestione degli impianti. Una specifica indicazione è data ai Comuni del territorio regionale ai quali è richiesto di “non sospendere la raccolta differenziata e attuare ogni utile iniziativa al fine di migliorare la qualità della FORSU raccolta in modo differenziato” e di “garantire inoltre i controlli relativi ai conferimenti all’impianto e all’organizzazione dei flussi al cancello attraverso la Polizia Municipale“.

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)