Sanità, Emiliano inaugura strutture in Provincia

 

Ospedale di Comunità a Massafra e Casa della Salute a Palagianello le strutture inaugurate quest'oggi in presenza della Asl di Taranto
pubblicato il 29 Luglio 2019, 17:12
6 mins

Realizzare l’Ospedale di comunità a Massafra era un impegno che avevo preso con il Sindaco, che più volte mi aveva sollecitato in questa direzione, e la comunità: insieme siamo riusciti ad ottenere questo importante risultato“. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano questa mattina a Massafra nel corso dell’inaugurazione dell’Ospedale di comunità all’interno del Presidio territoriale di assistenza (Pta).

Questa struttura – ha proseguito Emiliano – era stata riconvertita molti anni fa, prima che io diventassi presidente. L’Ospedale di comunità che inauguriamo oggi è nella sostanza un ospedale gestito dai medici di famiglia con il supporto del Servizio sanitario regionale. Qui i malati cronici, ad esempio, che hanno bisogno di sostegno e che vengono dimessi dagli ospedali per acuti, vengono seguiti nella maniera più compiuta. Questo è un modello che stanno copiando un po’ in tutta Italia. E quindi a Massafra abbiamo saputo riorganizzare la struttura sanitaria e renderla attiva in tutti i suoi settori“.

I medici di famiglia – ha spiegato Emiliano – in questa struttura collaborano tra di loro, gestiscono meglio le situazioni più difficili e non perdono assistiti, perché quando un medico di famiglia mostra di saper gestire la modernità e un livello assistenziale così elevato, gli assistiti li guadagna. Invito quindi tutti i medici di famiglia della Puglia a darci una mano, perché noi siamo pronti ad aprire ospedali di comunità ovunque. Molti sono già operativi ma se ne aprissimo degli altri potremmo sostituire quegli ospedali vecchi e inutili che in passato sono stati chiusi, con strutture invece utilissime alle famiglie come quella che oggi inauguriamo. Da oggi Massafra ha di nuovo un ospedale, un ospedale di comunità“.

Insieme al presidente ad inaugurare l’Ospedale di comunità (Unità di assistenza domiciliare integrata protetta),c’erano il direttore generale Asl Taranto, Stefano Rossi, il consigliere regionale Michele Mazzarano, il sindaco di Massafra Fabrizio Quarto, il presidente dell’Ordine dei medici, Cosimo Nume, i rappresentanti della direzione strategica.

Il Pta, attivo dal 20 giugno, ospita 12 posti letto che a breve diventeranno 20. È uno dei 22 presidi previsti sul territorio regionale, che accoglie pazienti in corso di stabilizzazione: utenti che hanno bisogno di essere tenuti sotto osservazione continua o di fare terapie riabilitative. Emiliano e il Direttore sanitario dell’Asl Ta, Vito Gregorio Colacicco, hanno anche consegnato a 25 medici del Servizio di continuità assistenziale nelle località turistiche gli attestati di partecipazione al corso di formazione sulle “manovre di disostruzione delle vie respiratorie adulto e bambino” che si è recentemente concluso.

Avere tanti ospedali insicuri e dove non va nessuno, non va bene. Una sanità moderna deve disporre di grandi ospedali per le emergenze e le acuzie, di un ottimo sistema di emergenza urgenza e soprattutto di una capillare rete di assistenza territoriale. Per questo abbiamo cominciato a investire tantissimo sulla sanità del territorio. Oggi inauguriamo una struttura bellissima a Palagianello, la Casa della Salute, che può contare su tecnologie e grandi attrezzature che consentono la prevenzione primaria e secondaria. Questi stessi investimenti li stiamo realizzando in tutta la regione“. Così il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano che poi si è recato a Palagianello per inaugurare la “Casa della Salute”, un complesso edilizio in via Madre Teresa di Calcutta di proprietà del Comune e concesso alla Asl di Taranto in parziale comodato. Presenti al taglio del nastro anche l’assessore regionale Cosimo Borraccino, il sindaco Maria Rosaria Borracci, il direttore generale Asl Taranto Stefano Rossi.

Nella Casa della salute sono attivi importanti servizi: prestazioni specialistiche ambulatoriali di fisiatria e dermatologia, accoglienza e assistenza protesica, igiene pubblica, centro prelievi,  continuità assistenziale, anagrafe, prenotazione e Cup.

Nella stessa mattinata si è svolto un corso teorico-pratico di base di “Videodermatoscopia digitale” per gli specialisti dermatologi che utilizzeranno all’interno degli ambulatori dell’Azienda Sanitaria i nuovi otto videodermatoscopi recentemente acquistati dall’Asl.

Questi nuovi strumenti rappresentano una metodica importante per la prevenzione dei tumori della pelle in quanto incrementano la sensibilità diagnostica del melanoma, rispetto alla semplice visione ad occhio nudo, permettendo diagnosi sempre più precoci. La tecnologia di ultima generazione utilizzata dai nuovi strumenti diagnostici consente di effettuare mappature di secondo livello con un sistema di scansione total body, per mezzo di una scansione verticale computerizzata con autofocus ad alta qualità cromatica.

Una scelta, quella del management dell’Asl di Taranto, che punta sostanzialmente a favorire la cultura della prevenzione del melanoma. Nel territorio ionico, in linea con i dati nazionali, si registrano tra i 15/16 casi per 100 mila abitanti. Un dato assolutamente sottostimato in virtù dell’assenza di una cultura diffusa delle prevenzioni dei tumori della pelle che, se diagnosticati per tempo, hanno il 98% di possibilità di guarigione.

Il presidente Emiliano ha infine incontrato i medici di medicina generale e pediatri del territorio per condividere i termini di accordo stabiliti nel patto siglato con il Comune di Palagianello e l’Asl di Taranto per la costituzione, all’interno della Casa della Salute, di un supergruppo di medici che, trasferendo i propri ambulatori all’interno della struttura, contribuiranno a raccogliere in un unico spazio tutta l’offerta extraospedaliera del servizio sanitario.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)