Botte e minacce di morte: scatta il divieto di avvicinarsi

 

pubblicato il 20 Luglio 2019, 13:26
3 secs

Il personale della Squadra Mobile di Taranto ha eseguito un’ordinanza di divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa nei confronti di un 50enne residente in Provincia responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia aggravato dalla presenza di minori.
L’uomo da tempo maltrattava la sua convivente anche in presenza della figlia di 12 anni. La donna si è decisa a denunciare i numerosi episodi di aggressioni fisiche, minacce di morte ed offese subite dal 50enne.  Dopo la decisione della vittima di  troncare la relazione, l’uomo  ha continuato nei suoi atteggiamenti persecutori, seguendo la donna ed appostandosi in più occasioni sotto casa. In un’occasione forzo’ persino la porta d’ingresso dell’abitazione della donna.  Solo l’arrivo tempestivo delle Forze dell’ordine scongiurò il peggio.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)