‘Insieme per pruomuovere la cultura della legalità’

 

Si è svolta in Prefettura la riunione del Comitato provinciale dell'ordine e della sicurezza pubblica
pubblicato il 19 Luglio 2019, 18:46
2 mins

Si è svolta in Prefettura la riunione del Comitato provinciale dell’ordine e della sicurezza pubblica presieduta dal Prefetto Antonia Bellomo alla presenza, del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Taranto e del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni, dei vertici provinciali delle Forze dell’Ordine, dei rappresentanti della Provincia e del Comune Capoluogo, allargato ai Dirigenti regionale e provinciale dell’Ufficio Scolastico e al delegato dal Vescovo della Pastorale giovanile.

Durante il confronto finalizzato ad analizzare la situazione generale della provincia tarantina, che, di recente, è stata interessata da una serie di episodi caratterizzati da particolari violenze commesse da minori in gruppo, si è ritenuto non solo di dover assicurare la continuità dell’attività di contrasto da parte delle Forze dell’Ordine, ma anche l’opportunità di un coordinamento non solo istituzionale, ma anche con le associazioni e con gli altri soggetti del mondo civile per fare rete.

L’obiettivo condiviso da tutti è quello di intraprendere un’azione che non sia soltanto di rilevazione e di emersione del fenomeno, ma anche di prevenzione, di educazione alla legalità e di educazione alle famiglie degli interessati attraverso dei sistemi che siano coerenti con gli interessi dei destinatari.

Sono numerose le iniziative già messe in campo sul tema dal Comune, dalla Procura minorile, dalla Scuola, dall’A.S.L. e dalla Chiesa, pertanto – ha sottolineato il Prefetto – bisognerà sviluppare una linea di intervento congiunta per affinare le azioni ed intercettare i territori che ne hanno più bisogno e mettere in moto un percorso che conduca alla prevenzione del fenomeno ed alla immediata individuazione di situazioni illegali.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)