Ex Ilva, Arcerlor rallenta produzione. Dal MiSE: “Serve massima responsabilità”

 

In fermata controllata AFO 2 e AFO 4, resta in marcia soltanto AFO 1: ma c'è il rischio si fermi anche quest'ultimo. Roma monitora
pubblicato il 11 Luglio 2019, 19:39
29 secs

ArcelorMittal Italia ha reso noto che, a seguito del tragico incidente di ieri sera, ha “immediatamente avviato un rallentamento della produzione a Taranto con l’obiettivo di mettere in sicurezza lo stabilimento nel pieno rispetto delle normative ambientali“. “E’ fondamentale – afferma l’azienda – che in questo momento tutti lavoriamo in modo efficace e collaborativo: serve massima condivisione tra l’azienda, i sindacati e gli stessi lavoratori per evitare la fermata di Afo1, che è l’unico Altoforno ancora in marcia e per garantire condizioni di massima sicurezza all’interno di tutti gli impianti“.

Il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministro Luigi Di Maio seguono con la massima apprensione le ricerche condotte dalla Capitaneria di Porto e dai Vigili del Fuoco, con cui il contatto è diretto e costante, a seguito dei tragici avvenimenti accaduti ieri a Taranto“. Lo si legge in una nota del Mise. “In relazione al comunicato stampa di Arcelor-Mittal e con la massima comprensione della situazione, estremamente critica, che la città di Taranto sta vivendo in questo momento, il MiSE invita la proprietà e le organizzazioni sindacali alla massima responsabilità“.

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)