Decreto Crescita: votata la fiducia alla Camera. Ma al Senato tutto può cambiare

 

Ok alla Camera alla fiducia posta dal governo sul Dl Crescita. Ora si passa al Senato. In ballo l'immunità penale ad ArcelorMittal
pubblicato il 21 Giugno 2019, 19:12
24 secs

La Camera con 288 voti favorevoli e 181 contrari ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sull’approvazione, senza emendamenti ed articoli aggiuntivi, dell’articolo unico disegno di legge: Conversione in legge del decreto-legge 30 aprile 2019, n. 34, recante misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi (A.C. 1807-A/R), nel testo approvato dalle Commissioni a seguito del rinvio deliberato dall’Assemblea.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/05/02/mittal-immunita-penale-resta-cambia-lapplicazione3/)

Passa dunque per il momento anche l’art. 46, quello che prevede la decadenza dell’immunità penale prevista dal decreto legge del 2015 dal 7 settembre in poi, con l’entrata in vigore della nuova norma. Il tutto in attesa di comprendere cosa uscirà fuori dall’interlocuzione tra il Governo e ArcelorMittal.

L’Aula della Camera sarà ora impegnata con l’esame degli ordini del giorno e successivamente con il voto finale. Una volta approvato dall’Aula della Camera, il provvedimento passerà all’esame del Senato. Il testo deve essere convertito in legge entro la fine del mese, pena la sua decadenza.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/06/19/2immunita-dal-mise-presto-soluzione-per-azienda2/)

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)