Caso Stano, confermato il carcere per gli 8 dei 18 indagati

 

Restano tutti in carcere, maggiorenni e minorenni. Nell'indagine sono indagati altri dieci minorenni
pubblicato il 20 Maggio 2019, 18:08
2 mins

Il Tribunale del Riesame di Taranto ha confermato l’ordinanza di custodia cautelare per i due ragazzi maggiorenni fermati il 30 aprile scorso con l’accusa di aver torturato in più occasioni Antonio Stano, il pensionato di 66 anni, di Manduria (Taranto), morto il 23 aprile scorso dopo 18 giorni di ricovero e due interventi chirurgici. I giudici hanno così respinto il ricorso della difesa. Assieme ai due maggiorenni furono fermati, e sono tuttora in carcere, sei minorenni. Altri sei minorenni sono indagati a piede libero e tre di loro saranno interrogati dal pm minorile Pina Montanaro il 22 maggio prossimo.

Gli avvocati dei due maggiorenni (22 e 19 anni) nella loro istanza avevano chiesto l’esclusione del reato di tortura, tra le contestazioni ai loro assistiti, dopo che il gip del tribunale del capoluogo jonico aveva eliminato dall’ordinanza cautelare quello di sequestro di persona che invece era contemplato nel decreto di fermo della Procura. E in ogni caso avevano avanzato richiesta di arresti domiciliari che è stata rigettata. Da quanto si è appresto la camera di Consiglio del tribunale del riesame per i sei minorenni è durata solo 20 minuti. Le motivazioni si conosceranno nei prossimi giorni. Le accuse sono di tortura con l’aggravante della crudeltà, violazione di domicilio, sequestro di persona e danneggiamento.

Così come per i due maggiorenni coinvolti nell’inchiesta sulla morte di Antonio Stano, il 66enne pensionato di Manduria (Taranto) che aveva subito una serie di aggressioni e violenze da più gruppi di giovani, anche per i 6 minori attualmente detenuti nel carcere minorile di Bari il Tribunale del Riesame di Taranto ha respinto i ricorsi dei legali difensori confermando dunque la misura cautelare. La camera di consiglio per i minorenni (il collegio è stato presieduto dal giudice Ciro Fiore) è durata meno di un’ora.

A parte gli otto giovani attualmente in carcere, sono indagati altri dieci minorenni. Il collegio di giudici del riesame che ha deciso per i maggiorenni era composto dal presidente Filippo Di Todaro e dai giudici Sara Gabellone e Francesca Maria Guido.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)