“1938-1948: dalle leggi razziali all’articolo 3 della Costituzione Repubblicana”: cerimonia di premiazione

 

pubblicato il 19 Maggio 2019, 17:20
4 mins

Si è svolta, coordinata dalla professoressa Adriana Chirico, referente Scuola ANPI provinciale Taranto, nella sala conferenze del Dipartimento Jonico – Università degli Studi di Bari, Taranto, l’annunciata cerimonia di premiazione del concorso sul tema “1938-1948: dalle leggi razziali all’articolo 3 della Costituzione Repubblicana”, promosso nel corrente anno scolastico, dall’ANPI provinciale di Taranto, con il patrocinio del Comune di Taranto, in collaborazione con il Dipartimento Jonico dell’Università degli Studi di Bari, la Scuola Jonica, il Centro Servizi Volontariato della provincia di Taranto e la CGIL.

Dopo gli interventi del dott. Giuseppe Bellassai, Questore di Taranto, del dott. Antonio d’Itollo, dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale, del dott. Francesco Riondino, presidente del CSV Taranto, della dott.ssa Eva Santoro, segretaria provinciale CGIL Taranto, hanno preso la parola, con brevi interventi riguardanti le tematiche del concorso, il prof. Riccardo Pagano, delegato del Rettore per il Polo Universitario Jonico, ed il dott. Giuseppe Stea, presidente provinciale ANPI Taranto. Era presente, tra gli altri, il colonnello Marcello Tundo, in rappresentanza del Comandante SVAM colonnello Gianluca Capasso. Impossibilitati a partecipare, il Prefetto di Taranto, dott.ssa Antonia Bellomo, ed il Comandante Mariscuola, Contrammiraglio Enrico Giurelli, hanno inviato un messaggio augurale; il Presidente della Giunta regionale, dott. Michele Emiliano, ha inviato una significativa lettera che è stata letta nel corso della cerimonia.

Sono state consegnate, quindi, le targhe “attestato di partecipazione” alle Scuole ed agli studenti partecipanti al Concorso.

Le targhe per le Scuole sono state consegnate alla Dirigente scolastica del Liceo Artistico “Calò”, prof.ssa Brigida Sforza, alla Dirigente scolastica dell’Istituto alberghiero “Morante”, prof.ssa Concetta Patianna, alla Dirigente scolastica del Liceo “Moscati”, prof.ssa Anna Sturino, al Dirigente scolastico dell’Istituto “Pacinotti”, prof. Vito Leopardo, alla prof.ssa Lucia Schiavone, in rappresentanza del Dirigente scolastico del Liceo “Aristosseno” prof. Salvatore Marzo, al prof. Pietro Clemente, in rappresentanza del Dirigente scolastico del Liceo “G.B. Vico” prof.ssa Maria Surico, al prof. Pier Giovanni Mastrangelo, in rappresentanza del Dirigente scolastico dell’Istituto “Mondelli” prof. Vincenzo Raguso.

Le targhe per gli studenti sono state consegnate ad Aurora Erika, Baldari Erica, Bisconti Alessia, De Nuzzo Simone, Di Noi Martina, Modeo Lara Jacquelin, Nardella Giada, Parisi Immacolata, Polimenio Ylenia (“Calò”, Manduria); Borsci Fabiola, Brugnara Samuele, Conforti Virginia, De Michele Francesca, Latanza Gianluca, Melle Giada Angela, Ninni Giorgia (“Aristosseno”, Taranto); Candido Naomi, Lamanna Vitalba, La Carbonara Ilaria, Mansueto Lia, Parisi Walter (“Elsa Morante”, Crispiano); Caramia Francesca, Delli Santi Francesca (“Moscati”, Grottaglie); Pietromica Andrea (“Archita”, Taranto); Capurso Domenico (“G.B. Vico”, Laterza); D’Ippolito Angela (“Pacinotti”, Taranto); Angelini Andrea (“Mondelli”, Massafra).

Si è proceduto, infine, alla premiazione degli studenti risultati vincitori; sono stati assegnati 3 premi, ciascuno di 400 euro: premi messi a disposizione dal cav. Valentino Gennarini, che nel corso della premiazione ha affermato: “La ricetta che ho sperimentato su di me ha avuto un ottimo risultato; ed è avere il senso dello Stato, praticare il bene comune, curare la bellezza interiore in quanto essa se ne va col tempo, mentre quella interiore ti accompagna fino alla fine della vita”.

Gli studenti vincitori premiati sono stati:

Categoria “Tema, articolo giornalistico, saggio”: Francesca Caramia (“Moscati” di Grottaglie). Titolo: “Uomini ugualmente diversi”

Categoria “Lavoro Multimediale”: Vitalba Lamanna (“Morante” di Crispiano). Titolo: “Il tempo tra passato e presente”

Categoria “Grafica”: Giada Nardella (“Calò” di Manduria)

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)