‘CinemAmbiente Junior’, menzione speciale per il docu-film dell’Istituto ‘Pacinotti’

 

Resi noti a Roma i vincitori del concorso nazionale. Per la scuola tarantina "serietà e maturità i due ingredienti emersi dalla visione del quasi documentario"
pubblicato il 10 Maggio 2019, 18:47
11 mins

Sono stati resi noti oggi, venerdì 10, a Roma, nella cornice aulica della Sala della Protomoteca del Campidoglio, gli esiti del Concorso nazionale CinemAmbiente Junior 2019, la sezione competitiva rivolta alle Scuole Primarie e alle Secondarie di I e II grado istituita dallo scorso anno all’interno del Festival CinemAmbiente. I film vincitori sono stati annunciati nell’ambito dell’iniziativa “Villaggio per l’educazione ambientale”, promossa dal Ministero dell’Ambiente, dal direttore del Festival, Gaetano Capizzi, che ha sottolineato il notevole successo complessivo della sezione competitiva dedicata ai più giovani.
Sono stati infatti circa 200 i cortometraggi a tema ambientale iscritti alla seconda edizione del Concorso (riservata agli elaborati realizzati nel corso dell’ultimo anno scolastico 2018-19), in arrivo da svariate Regioni italiane. «Il grande numero di filmati che ci sono pervenuti dalle Scuole italiane – commenta il direttore del Festival CinemAmbiente, Gaetano Capizzi – conferma l’interesse per i temi ambientali che le nuove generazioni stanno esprimendo con forza in tutto il mondo. I giovani chiedono di essere protagonisti nelle decisioni che riguardano il loro futuro anche attraverso il cinema e trovano nel Festival CinemAmbiente un palcoscenico che li privilegia e incoraggia il loro impegno».

E tra i lavori selezionati, c’è quello dell’Istituto ‘Pacinotti’ di Taranto – ‘Uomini e ferro’ – a cui è stata dedicata una menzione speciale. Una bella soddisfazione per tutta la scuola tarantina, senza dubbio.
I film vincitori saranno premiati il 5 giugno – alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare – nel corso della cerimonia di chiusura del Festival CinemAmbiente, la cui 22ma edizione prenderà il via a Torino il 31 maggio 2019.

La giuria della II edizione del Concorso nazionale Scuole CinemAmbiente Junior, composta da Vanessa Pallucchi, vicepresidente nazionale di Legambiente, Angelo Robotto, direttore generale di ARPA Piemonte, Lello Savonardo, docente di Teorie e Tecniche della comunicazione e Comunicazione e Culture giovanili al Dipartimento di Scienze Sociali dell’Università di Napoli, ha attribuito:

PREMIO per il miglior cortometraggio delle Scuole Primarie a:

Giustino, uccellino coraggioso, realizzato dagli allievi della classe 2a C dell’I.C. 57° “San Giovanni Bosco” di Napoli

con la seguente motivazione: “Gli incendi boschivi, ce lo ricorda drammaticamente l’attualità, costituiscono un serio pericolo per il patrimonio forestale, per il loro impatto sugli ecosistemi in termini di salvaguardia della biodiversità e anche sulle risorse economiche. La fiaba di Giustino, uccellino coraggioso che non si arrende, che decide di ricostruire il suo bosco anziché abbandonarlo dopo il rogo, è un invito alla responsabilità individuale, al perseguire i propri obiettivi con forza d’animo e determinazione. Un esempio che deve essere di ispirazione per tutti noi, grandi e piccoli”.

PREMIO per il miglior cortometraggio delle Scuole Secondarie di I grado a:

Gli eroi del riciclo, realizzato dagli allievi della classe 3a G dell’I.C. “A. Stoppani” di Lecco

con la seguente motivazione: “Un vademecum sbarazzino che parla la lingua dei ragazzi, per arrivare anche alle orecchie degli adulti; un susseguirsi di buone pratiche che trasformano la raccolta differenziata in un gioco di squadra in cui ognuno può dare il suo contributo. Utili eco-consigli anche per una minore produzione di rifiuti, a cominciare dall’ambiente scolastico perché, come ci insegnano i nostri simpatici eroi del riciclo, “il migliore rifiuto è quello che non si produce”.

PREMIO per il miglior cortometraggio delle Scuole Secondarie di II grado a:
2 Gradi, realizzato dagli allievi del Gruppo SCRILAB dell’I.I.S. “Ferraris-Brunelleschi” di Empoli (FI)
con la seguente motivazione: “Attorno all’affermazione di Nelson Mandela, “L’acqua è democrazia”, gli studenti di Empoli ci offrono con disincanto i loro dubbi, le loro paure insieme con la loro voglia di capire di più, l’ambizione di farsi parte attiva in una società “imperfetta e perfettibile”; una società di cui loro, nella piena consapevolezza dei propri limiti, di quelli della scienza e della politica, ma anche forti dei rispettivi ruoli, risorse e potenzialità, sono il futuro. Un futuro che cerca nella comprensione del nostro presente la miglior strada possibile da percorrere, insieme: individui, scienza, società”.

La giuria ha inoltre deciso di attribuire una menzione speciale a:

Uomini e ferro, realizzato dagli allievi della 5a A dell’I.I.S.S. “Antonio Pacinotti” di Taranto
con la seguente motivazione: “Serietà e maturità sono i due ingredienti che emergono dalla visione di un “quasi documentario”, grazie ai quali viene raccontata una situazione estremamente complessa con linearità, concisione e chiarezza. Convince la capacità di fornire informazioni con una rappresentazione equilibrata dei fatti da cui tuttavia traspare la drammaticità della situazione che i ragazzi vivono nella loro quotidianità, sulla loro pelle. Il docufilm tratta un argomento di notevole importanza ambientale per la città di Taranto. Racconta in breve la storia della città e del colosso siderurgico Ilva (oggi Arcelor Mittal) presente sul territorio dal 1960, che continua a inquinare pesantemente la città, causando l’aumento di mortalità per tumore (soprattutto del sangue e dei polmoni) anche nei bambini”. Di seguito il link del docu-film.

https://youtu.be/_8PmHTKLxdI

Un bilancio di successo per il cinema come vettore dell’educazione ambientale

CinemAmbiente Junior, la specifica ed estesa sezione del Festival CinemAmbiente che riunisce organicamente i diversi progetti didattici, educativi e formativi elaborati per bambini, ragazzi, docenti, giunge quest’anno alla sua seconda edizione, realizzata nell’ambito del Piano Nazionale Cinema per la Scuola promosso da MIUR e MIBAC. Nato dal pluriennale impegno del Festival volto ad avvicinare le ultime generazioni ai temi ambientali, oggi più che mai di scottante attualità, a promuovere fin dalla prima età scolare comportamenti ecosostenibili, a sensibilizzare i giovanissimi in relazione alla tutela del patrimonio naturale, CinemAmbiente Junior si è confermato anche nel 2019 un’iniziativa vincente. Il Concorso nazionale rivolto alle Scuole Primarie, Secondarie di I e II grado e riservato a cortometraggi a tema ambientale, ha registrato un’ampia partecipazione. Alla sezione competitiva dedicata ai più giovani sono stati, infatti, iscritti circa 200 cortometraggi, che, in arrivo da molteplici Regioni italiane, coprono un’area molto estesa, in crescita dalla scorsa edizione, del territorio nazionale. Altrettanto successo ha riscosso lo specifico programma di proiezioni, incontri e attività laboratoriali dedicato alle Scuole che ha preso l’avvio lo scorso 22 marzo. Le richieste di partecipazione pervenute hanno, infatti, superato le 6.000 presenze complessive, imponendo, in alcuni casi, la replica delle proiezioni previste.

Distribuito in un arco temporale ancora ampliato rispetto alla passata edizione, il cartellone di oltre 30 proiezioni, accompagnate da approfondimenti con esperti e operatori di settore e scandite dal calendario delle giornate mondiali legate alla preservazione e alla tutela ambientale (a partire dalla Giornata mondiale dell’acqua per arrivare fino alla Giornata mondiale dell’ambiente, passando attraverso quelle dedicate alla Terra, alle vittime dell’amianto, agli uccelli migratori, alla biodiversità e così via), proseguirà fino al termine del Festival (il 5 giugno). La tradizionale, rinnovata collaborazione con realtà e istituzioni cittadine attive nella diffusione della cultura ambientale completa l’offerta del programma con 9 attività didattico-sperimentali, diversificate per età, che le scuole potranno prenotare gratuitamente per le giornate dal 27 maggio al 5 giugno.

A completamento del cartellone dedicato alle Scuole, sarà proposto uno specifico appuntamento formativo indirizzato a dirigenti scolastici e docenti. Il seminario Scuole EcoAttive, buone pratiche di sostenibilità (lunedì 3 giugno) prenderà spunto dal piano di intervento elaborato dal MIUR in risposta all’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile, che, prevedendo tra l’altro l’introduzione dell’educazione ambientale all’interno del POF (Piano dell’Offerta Formativa), ha innescato un duplice processo di trasformazione delle scuole italiane. Da un lato queste si sono trovate a svolgere sempre più spesso la funzione di centri per l’educazione alla sostenibilità di una serie di figure sociali: studenti, docenti, personale tecnico e famiglie. Dall’altro le loro strutture organizzative si sono riconfigurate al fine di meglio espletare le diverse funzioni legate alla nuova missione della sostenibilità: raccolta differenziata, mense a chilometro zero, forniture e materiali di costruzione sostenibili ecc. Il seminario sarà occasione sia per un’analisi delle trasformazioni in atto, sia per l’avanzamento di proposte operative, quale la possibile introduzione, nel sistema scolastico, della nuova figura del “referente ambientale.

Condividi:
Share
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)