Commissione Parlamentare Antimafia a Taranto: “Vigilare su risorse CIS e bonifiche”

 

Diverse le audizioni in Prefettura: dal procuratore Capristo al questore Bellassai
pubblicato il 08 Maggio 2019, 19:31
2 mins

La Commissione Parlamentare Antimafia è stata oggi a Taranto per una serie di audizioni che si sono svolte, nel pomeriggio, in Prefettura.

Dopo la missione in Emilia Romagna la commissione svolge la nuova missione tra Taranto e Foggia. Tre giorni su territori diversi, ma complessi dal punto di vista delle penetrazioni della criminalità organizzata. La commissione audirà rappresentanti delle Istituzioni, della magistratura e delle forze dell’ordine, ma anche associazioni e cooperative che lavorano sui beni confiscati per dare un segnale deciso di vicinanza a chi lavora ed opera sul territorio per il bene comune“, ha detto Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia. La missione, iniziata oggi, si concluderà venerdì 10 maggio. 

Sui soldi destinati dal Governo a Taranto per Contratto di sviluppo, bonifiche e altri interventi, bisogna seguire tutti i processi perchè anche i migliori progetti, portati avanti con le migliori intenzioni, potrebbero essere inficiati da cose strane che permettono infiltrazione della criminalità“, ha sottolineato il senatore Nicola Morra (M5S). “Che io sappia – ha precisato Morra – l’azione dell’Esecutivo è impegnata a fare arrivare in questa città anche ulteriori finanziamenti. Per questo motivo dobbiamo essere ancora più attenti“.

Diverse le audizioni, a partire da quella del procuratore Carlo Capristo, del procuratore aggiunto Maurizio Carbone, del questore Giuseppe Bellassai, del comandante dei Carabinieri Luca Steffensen, e del comandante della Guardia di Finanza Gianfranco Lucignano. Della delegazione di parlamentari, accolta dal prefetto Antonella Bellomo, fanno parte anche i senatori Luigi Vitali (FI), Teresa Bellanova (Pd), Marco Pellegrini (M5S) e l’onorevole Paolo Lattanzio (M5S).

Condividi:
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)