Ambiente, Melucci incontra il ministro Costa

 

Sulle ulteriori indagini Ministero e Comune torneranno a confrontarsi. Sostegno al Prefetto per tavolo permanente di monitoraggio
pubblicato il 12 Aprile 2019, 17:46
2 mins

Il sindaco Rinaldo Melucci, come annunciato nei giorni scorsi, accompagnato dall’assessore all’Ambiente, Francesca Viggiano, ha incontrato stamane a Roma il Ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. Lo recita una nota di Palazzo di città.

Tutte le istanze pregresse dell’Amministrazione comunale, relative alle vicende complessive dell’area SIN di Taranto ed al carteggio richiesto dal Sindaco agli organismi tecnici nelle ultime settimane, sono state esaminate nel corso di un lungo incontro, ricco di approfondimenti con la struttura del Ministero.

Il Ministro ha dimostrato un grado di consapevolezza delle questioni ed una sensibilità per Taranto davvero apprezzabili, si commenta nella nota. Costa si è detto disponibile ad ogni forma di collaborazione con il Civico Ente e ha condiviso con Melucci un approccio molto pragmatico e solerte in vista delle future iniziative che si potranno intraprendere per far svoltare la città, che resta saldamente in cima all’agenda del Governo.

Il primo cittadino ha avuto anche modo di rappresentare al Ministro che tutta la documentazione pervenuta sin qui, sebbene abbia contribuito a fare significativa chiarezza sulla materia ambientale e sanitaria, non soddisfa ancora del tutto la comunità, specie sotto il profilo dell’attualità rispetto alla catalogazione degli stessi dati.

Le due Istituzioni torneranno a confrontarsi a stretto giro a valle delle ulteriori indagini che si stanno compiendo da parte di tutti gli Enti preposti e hanno confermato l’intenzione di sostenere assiduamente il coordinamento del Prefetto di Taranto, volto all’insediamento di un tavolo permanente di monitoraggio a Taranto. In quel contesto, come per altro già anticipato agli altri dicasteri interessati, l’Amministrazione comunale rilancerà a breve il tema di un largo protocollo di intesa con tutti i soggetti pubblici e privati della vicenda ex Ilva.

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)