Attendendo la Settimana Santa, gli appuntamenti

 

pubblicato il 12 Aprile 2019, 19:25
4 mins

In attesa dei Riti tradizionali della Settimana Santa, ecco un’altra nutrita serie di appuntamenti, in programma per il Sabato di Passione, 13 aprile.

Luoghi e riti della Settimana Santa
Nell’ex chiesetta della Madonna della Scala (in via Duomo) alle ore 18, con declamazione di poesie, sarà inaugurata la nuova edizione della collettiva di pittura, scultura e fotografia “Luoghi e riti della Settimana Santa” a cura delle associazioni “Santa Maria della Scala” e “Vito Forleo”. Espongono: Antonella Airò, Sara Andriolo, Vito Antonio Becci, Fernando Caracuta, Evangelina Caso, Luigi De Giorgio, Fiorello De Luca, Oscar Galasso, Maria Girardi, Cosimo Giudetti, Nicola Giudetti, Angela Lasorella, Matilde Lomonte, Ida Luzzi, Lina Mannara, Tommaso Millarte, Emanuele Mosca, Francesco Paolo Occhinegro, Marcello Picci, Rosa Potere, Tina Pugliese, Cinzia Raffo, Vincenzo Ricciardulli, Mariastella Ruggiero, Francesco Russo, Vincenzo Santoro, Ada Semeraro, Maria Sorace, Serena Tagliente, Michele Traia, Spyridon Trousas. Le visite saranno possibili fino al 24 aprile.

Banda Lemma in piazza
Al Borgo, alle ore 19, per “Note di Passione”, il complesso bandistico “Lemma” di Taranto diretto dal maestro Giuseppe Pisconti suonerà in piazza Immacolata, via D’Aquino, piazza Carmine e piazza della Vittoria.

Concerti di Pasqua nei quartieri
Per la rassegna “Concerti di Pasqua nei quartieri” a cura del Comune attraverso il consigliere comunale Carmen Galluzzo (con delega ai rapporti con le istituzioni religiose), al Corpus Domini (Paolo VI), alle ore 19 concerto del duo Musicantando, con il baritono Mario Micocci (baritono) accompagnato al pianoforte da Francesco Distante.

Passio Christi a Crispiano
A Crispiano (ore 19) si terrà la  20.ma “Passio Christi” di Crispiano, organizzata dall’Azione Cattolica della parrocchia San Francesco d’Assisi, nel centenario dell’autonomia del Comune, con un centinaio di interpreti d’età compresa dai 4 agli 80 anni. Diverse le novità: innanzitutto le scene della crocifissione e della deposizione ritorneranno nelle Grotte del Vallone, finora interessati a lavori di messa in sicurezza. Inoltre nel viale interno della scuola elementare “P. Mancini” ci sarà la prima scena: il Discorso della Montagna, in cui Gesù spiega quale regno vuol instaurare. “Abbiamo voluto inserire questo momento per rendere più fruibile la successiva scena del processo” – spiega il presidente dell’Azione Cattolica parrocchiale prof. Ennio Colucci. La rappresentazione proseguirà  per: via 14 Novembre, piazza San Francesco, via Roma, piazza Madonna della Neve, corso Vittorio Emanuele, via della Valle, via Sferracavallo, via Palermo.

“Dalla nuova versione – spiega Colucci – emerge un Gesù che rifiuta i formalismi, che si scaglia contro il perbenismo; un Gesù che accoglie gli ultimi, i poveri, i rifugiati, gli orfani e le vedove”. Alcune donne della comunità parrocchiale hanno messo su un laboratorio di cucito, completando gli abiti degli attori non ultimati l’anno scorso; anche quest’anno i principali attori hanno partecipato a un mini corso di recitazione di base. Inoltre è riproposto il concorso fotografico “Fotografa la Passio” per professionisti e amatori; la migliore foto sarà scelta dagli organizzatori per il manifesto del prossimo anno. All’evento collaborano la confraternita dell’Immacolata, la Pro Loco di Crispiano e soprattutto l’amministrazione comunale nella persona del sindaco Luca Lopomo e del geometra  responsabile del progetto di sicurezza Piero Minardi. In caso di maltempo la rappresentazione sarà rinviata al Mercoledì Santo.

Condividi:
Per comunicati stampa o proposte [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)