Giunta regionale approva percorso via Francigena: c’è anche Taranto

 

pubblicato il 04 Aprile 2019, 19:01
9 mins

La Giunta regionale ha approvato oggi il tracciato del percorso pugliese della via Francigena così come di seguito specificato:

1. PERSORSO PRINCIPALE: – Via Francigena – direttrice Via Traiana:

Faeto – Celle San Vito – Castelluccio Valmaggiore (agro) – Troia – Orsara di Puglia (agro) –  Castelluccio dei Sauri – Ascoli Satriano (agro) -Ordona -Orta Nova (agro) – Stornarella – Stornara – Cerignola – Canosa – Andria – Trani (agro) – Ruvo di Puglia – Terlizzi – Bitonto – Bari – Mola di Bari – Polignano a Mare – Monopoli – Fasano (agro) – Ostuni – Carovigno (agro) – Brindisi – San Pietro Vernotico (agro) – Torchiarolo – Surbo – Lecce – Lizzanello (agro) – Vernole -Melendugno (agro) – Calimera (agro) – Martano (agro) – Carpignano Salentino – Cannole – Palmariggi – Giugianello (agro) – Giurdignano – Otranto – Uggiano La Chiesa – Minervino di Lecce  –  Santa Cesarea Terme (fraz. Vitigliano) – Ortelle (fraz. Vignacastrisi) – Diso (fraz. Marittima) – Andrano (agro) –  Tricase – Tiggiano – Corsano – Alessano (agro) – Gagliano del Capo – Castrignano del Capo (fraz. Leuca);

– Via Francigena – direttrice Via Michaelica: Troia – Lucera – San Severo – Apricena (agro) – San Marco in Lamis – San Giovanni Rotondo – Monte Sant’Angelo;

– Via Francigena – direttrice Via Litoranea: Manfredonia – Zapponeta – Margherita di Savoia – Barletta – Trani – Bisceglie – Molfetta – Giovinazzo – Bari;

2. VARIANTI (“Terre della Francigena”)

– Via Francigena – Connessione con la Via Francigena della Basilicata: Ordona – Ascoli Satriano – Candela – Rocchetta Sant’Antonio (agro);

– Via Francigena – Connessione con la Via Francigena del Molise: Celenza Valfortore (agro) – San Marco la Catola – Volturara Appula (agro) – Motta Montecorvino – Volturino (agro) – Alberona (agro) – Biccari (agro) – Lucera;

– Via Leucadense: Lecce – Cavallino (agro) – San Donato di Lecce – Sternatia – Zollino – Soleto – Galatina – Sogliano Cavour – Cutrofiano – Supersano (agro) – Ruffano – Specchia – Alessano – Salve (fraz. Ruggiano) – Morciano di Leuca (agro) – Patù – Castrignano del Capo;

– Via Sallentina: Taranto – San Giorgio Jonico – Carosino – Monteparano – Fragagnano – Sava – Manduria – Avetrana – Salice Salentino (agro) – Veglie (agro) – Porto Cesareo – Nardò – Galatone (agro) – Sannicola (agro) – Alezio – Matino (agro) – Taviano – Racale – Ugento – Acquarica del capo (agro) – Presicce (agro) – Salve – Morciano di Leuca – Patù – Castrignano del Capo (fraz. Leuca)

La  Giunta, inoltre, ha  dare atto che, a seguito dell’approvazione del tracciato, occorrerà avviare le necessarie azioni di animazione territoriale, culturale ed economica, nonché di promozione turistica; ma anche quelle di conoscenza, tutela e valorizzazione del patrimonio paesaggistico e culturale lungo il tracciato, obiettivi che – verificate le migliori prassi europee e nazionali – si ritiene opportuno perseguire con successivi provvedimenti, volti anche a stabilire la natura e le forme di tutela  che il tracciato comporterà nei territori attraversati

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Autorizzata dalla Giunta regionale  la spesa di € 4.000.000,00 (quattro milioni) per l’erogazione del contributo straordinario  ai Comuni per le attività di rimozione dei rifiuti presenti su aree costiere. L’Esecutivo ha altresì approvato la scheda di richiesta di ammissione al contributo stabilendo che, per l’accesso allo stesso, i Comuni dovranno inviare la Scheda, unitamente al progetto di intervento, entro trenta giorni dal giorno successivo alla pubblicazione del presente provvedimento sul B.U.R.P., esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata all’indirizzo PEC: [email protected]

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La Giunta regionale ha approvato il nuovo Programma Strategico regionale per l’internazionalizzazione 2019-2020 . Ventuno i settori focus prioritari, 5 le linee di intervento e 21 i Paesi target.

La Puglia reagisce così al processo  di stagnazione rafforzando le proprie politiche di potenziamento sui mercati esteri , con un programma che declina obiettivi ed azioni strategiche per gli anni 2019 e 2020. Due direttrici del nuovo programma: da un lato promuovere e rafforzare la propensione all’internazionalizzazione delle imprese e dei distretti pugliesi, dall’altro sviluppare la capacità di attrarre investimenti in Puglia, in particolare nei settori delle specializzazioni intelligenti. Saranno integrate le politiche regionali di internazionalizzazione con le strategie a favore dell’innovazione per rafforzare la competitività della Puglia, sfruttando le opportunità offerte dall’economia digitale, che rende più accessibili sia l’innovazione che i mercati internazionali.

Sono Ventuno i settori focus del Programma inquadrati all’interno di specifiche priorità regionali: meccatronica, aerospazio, automotive e logistica avanzata si inseriscono all’interno della manifattura sostenibile; tecnologie ambientali, energia rinnovabile, edilizia sostenibile, nautica da diporto, turismo portuale, farmaceutica, dispositivi medicali, biotecnologie rosse e biotecnologie verdi fanno riferimento alla priorità regionale della salute dell’uomo e dell’ambiente; servizi Ict, industria culturale e industria dell’intrattenimento si collocano nell’ambito delle comunità digitali creative e inclusive; mentre arredamento, complementi d’arredo, abbigliamento, calzaturiero e gioielleria si inseriscono nella priorità regionale del rilancio dei settori tradizionali del “Made in Italy”.

L’insieme delle azioni si focalizza su un ventaglio di 21 Paesi target suddivisi in mercati “consolidati”, mercati “ad alto potenziale” e mercati di “prossimità”. Per la Puglia sono mercati consolidati Paesi dell’Unione Europea quali Francia, Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi, Polonia e Svizzera; del Nord America come Stati Uniti e Canada e dell’estremo Oriente come il Giappone.  I mercati ad alto potenziale sono rappresentati dai Paesi che aprono nuove prospettive e rilevanti opportunità: si tratta di Emirati Arabi Uniti, Israele, Turchia, Russia, Cina, Corea del Sud, India e Singapore, Sudafrica, Kenya e Corno d’Africa, infine i mercati di prossimità, strategici per la vicinanza, come Albania, Macedonia e Montenegro.

Il Programma declina con precisione anche le linee di intervento, cinque in tutto e dense di azioni mirate.

Si tratta di Interventi istituzionali; Interventi di carattere settoriale; Interventi di sostegno ai progetti di promozione internazionale delle piccole e medie imprese pugliesi (Pmi); Interventi di marketing localizzativo ai fini dell’attrazione degli investimenti in Puglia; Interventi di assistenza tecnica.

Gli Interventi istituzionali promuoveranno e valorizzeranno l’immagine della “Smart Puglia” attraverso eventi istituzionali, missioni e azioni di follow-up (queste ultime per verificare risultati e progressi delle iniziative).

Gli Interventi di carattere settoriale promuoveranno e valorizzeranno l’offerta regionale nei principali settori focus con partecipazioni a fiere e ad eventi settoriali di rilevanza internazionale, saranno organizzate missioni incoming di operatori esteri e business convention in Puglia, ma anche incontri settoriali e seminari tematici.

Gli Interventi di sostegno ai progetti di promozione internazionale delle Pmi pugliesi si declinano in alcuni incentivi come il Voucher Fiere, che agevola in modo diretto le aziende interessate a crescere nel mondo, partecipando a fiere internazionali e un nuovo Fondo Internazionalizzazione, che prevede, attraverso gli interventi di istituti bancari accreditati, l’erogazione di contributi a favore delle imprese pugliesi per la realizzazione di progetti di internazionalizzazione.

Gli Interventi di marketing localizzativo per l’attrazione degli investimenti in Puglia prevedono servizi di supporto ai potenziali investitori, la campagna promozionale “Invest in Apulia”, la partecipazione ad eventi e fiere dedicati agli investimenti, il supporto alle startup innovative e l’attrazione di capitali di investimento per la realizzazione delle loro attività.

Infine gli Interventi di assistenza tecnica serviranno a garantire la corretta impostazione e l’implementazione del Programma di internazionalizzazione e saranno sviluppati dalla società regionale in house Puglia Sviluppo.

Il Programma sarà realizzato grazie alle risorse del Por Puglia 2014/2020, Azione 3.5 “Attrazione degli investimenti e interventi di sostegno all’internazionalizzazione delle imprese pugliesi”.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)