Collinette ex Ilva, la chiarezza arriverà

 

ARPA invia al Comune nota con 'link' di indagini già svolte. La Asl lavora a corposa relazione e il pm chiede conferma sequestro
pubblicato il 01 Aprile 2019, 21:57
5 mins

La vicenda delle ‘collinette ecologiche‘ è ancora lungi dall’essersi conclusa. E siamo certi riserverà ancora delle sorprese. L’ultimo tassello della vicenda si è registrato quest’oggi, quando ARPA Puglia ha inviato al Comune di Taranto una nota, non una relazione, in cui sono stati allegati una decina di ‘link‘ che rimandano ad una serie di relazioni già effettuate dall’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale, in merito ai dati sulla qualità dell’aria raccolti nell’area delle scuole del rione Tamburi (in particolar modo sugli effetti indoor e outdoor nell’area delle due scuole). Nulla, dunque, che riguardi direttamente le ‘collinette ecologiche’ ed in particolar modo sugli eventuali rischi che lo spolverio del materiale proveniente dalle aree sequestrate lo scorso 5 febbraio, provocherebbe per i bambini che frequentano i plessi ‘Deledda’ e ‘De Carolis’.

(leggi il nostro articolo https://www.corriereditaranto.it/2018/06/04/wind-days-studio-arpa-su-polveri-scuola-gabelli-smonta-psicosi-di-gennaio-ma-la-verita-non-fa-notizia/)

La nota di ARPA, dunque, non chiarisce la situazione. Nè ha fornito nuovi dati che non fossero già conosciuti, in particolar modo dalla ASL di Taranto, che sta lavorando ad una corposa relazione (che pare abbia già superato le 20 pagine) che sarà consegnata al Comune la prossima settimana. Un documento curato nei minimi dettagli, parola per parola, che possa, si spera, mettere un punto fermo ad una vicenda che ancora oggi in troppi interpretano ancora a proprio piacimento. Pare infatti che ARPA non abbia gradito i toni, nè della prima nè della seconda ordinanza del sindaco Melucci.

(leggi il nostro articolo https://www.corriereditaranto.it/2018/03/14/ilva-tamburi-wind-days-rapporto-arpa-puglia-sul-pm10-nelle-scuole-settembre-ottobre/)

Tra l’altro, la nota odierna di ARPA Puglia ha una spiegazione anche ‘tecnica‘. Perché i tecnici dell’Agenzia Regionale non possono entrare nell’area in questione perché posta sotto sequestro. Domani infatti, è prevista la richiesta da parte del pm Buccoliero (che coordina le indagini dei Carabinieri del NOE di Lecce) di convalida del sequestro delle collinette ecologiche: toccherà poi ad un altro giudice stabilire se lasciare l’area sequestrata o meno. Ma finchè i sigilli resteranno, come ha chiarito il procuratore capo della Repubblica di Taranto Capristo nell’incontro dello scorso 18 marzo, nell’area si entrerà soltanto per effettuare la messa in sicurezza e l’eventuale bonifica dell’area. L’unica possibilità di accesso che avranno i tecnici di ARPA Puglia, sarà per effettuare le analisi dei top soil e la caratterizzazione dei terreni (come peraltro stabilito nella riunione in Prefettura lo scorso 6 marzo). Piano che dovrà predisporre Ilva in Amministrazione straordinaria, dopo che ArcelorMittal ha ‘posto’ l’area sotto la gestione commissariale, e che dovrà essere validato dall’ISPRA. Soltanto dopo tutte queste operazioni si potrà accedere all’area. E soltanto dopo si potrà avere una visione chiara di tutta la situazione.

(leggi l’articolo https://www.corriereditaranto.it/2018/09/12/2gas-radon-ai-tamburi-il-caso-che-non/)

Del resto, che la vicenda fosse lungi dal concludersi, lo abbiamo scritto in tempi non sospetti. Fattore che avrebbe costretto, come di fatto poi è accaduto, il sindaco Melucci ad ordinare la chiusura delle due scuole sino al termine dell’anno scolstico in corso. E’ bene ribadire ancora una volta che la chiusura non è dovuta, come ancora oggi in tanti scrivono su giornali e siti on line tra Taranto e l’Italia o come moltissimi politici locali e non sostengono in ‘ridicoli’ comunicati stampa, all’inquinamento prodotto dalle collinette ecologiche. La chiusura, di fatto, è preventiva e dovuta ad un principio di precauzione. Una mossa, quella del sindaco Melucci, perfetta da un punto di vista politico e mediatico. Visto che la richiesta di dati chiarificatori è stata dovuta proprio all’allarme lanciato proprio da alcuni membri del Dipartimento di Taranto di ARPA Puglia (legati a rapporti molto stretti con la Regione e con parte della società civile locale). Mettendo di fatto l’Agenzia in un grosso guaio. Che in molti hanno cavalcato e continuano a cavalcare. Ma queste cose, a Taranto, continua a non dirle nessuno. Perchè ognuno difende il proprio misero orticello. Ne vedremo ancora delle belle.

(leggi il nostro articolo https://www.corriereditaranto.it/2019/03/29/tamburi-scuole-chiuse-sino-a-settembre/)

 

Condividi:
Share
Gianmario Leone, nato a Taranto il 2/1/1981, laureato in Filosofia, docente di Storia e Filosofia, per 8 anni opinionista del quotidiano "TarantoOggi" nel settore, ambiente, politica, economia, cultura e sport, collaboratore e referente per la Puglia dal 2012 de "Il Manifesto" e del sito "Siderweb", collaboratore dal 2011 al 2015 del sito di informazione ambientale www.inchiostroverde.it. Ha collaborato nel corso degli anni anche con altre testate on line o periodici cartacei come 'Nota Bene' e 'LiberaMente' ed è un'opinionista di "Radio Onda Rossa" e "Radio Onda d'urto". Collabora con Radio Popolare Salento. Dal 2008 al 2012 ha lavorato per l'agenzia di stampa "Italiamedia". Ha contribuito alla realizzazione del lungometraggio 'Buongiorno Taranto' e al docufilm 'The italian dust'. Nel dicembre 2011 ha ottenuto il “Riconoscimento S.o.s. Taranto Chiama”, "per il suo impegno giornaliero d’indagine e approfondimento sui temi ambientali che riguardano la città". Nel febbraio del 2014 invece ha ottenuto il premio dei lettori nel "Premio Michele Frascaro, dedicato al giornalismo d’inchiesta", indetto dalle Manifatture Knos e patrocinato dall’Ordine Nazionale e Regionale dei Giornalisti , attribuito in base al voto on line, per la sua inchiesta sul progetto “Tempa Rossa” (Eni), che racchiudeva gli articoli scritti tra il 2011 e il 2012.

Commenta

  • (non verrà pubblicata)