Ambiente, Cisl: “Non enfatizzare dati privi di evidenza scientifica”

 

La Cisl plaude al metodo adottato nei giorni scorsi dalla Procura ionica
pubblicato il 22 Marzo 2019, 19:01
43 secs

Esigenza primaria, di garanzia per tutti, è di non enfatizzare le frammentarietà di dati privi di evidenza scientifica, né posizioni surrettizie o la scarsissima propensione all’ascolto delle opinioni altrui specie se diverse dalle proprie“. Lo afferma il segretario generale della Cisl di Taranto, Antonio Castellucci, in merito alla situazione ambientale nel capoluogo ionico e all’allarme lanciato agli ambientalisti in merito all’aumento di alcuni inquinanti. Il sindacalista evidenzia “quanto importante sia, invece, puntare agli obiettivi dell’occupazione stabile e sicura, all’eco-compatibilità degli impianti in questione nel pieno rispetto delle leggi e, in definitiva, al compiuto e contestuale riconoscimento dei diritti costituzionali al lavoro ed alla salute. Ribadiamo, ancora una volta dunque, a tutti i soggetti attivi del territorio il nostro appello a fare fronte comune“. Secondo Castellucci, “i dati discordanti, resi pubblici recentemente, hanno determinato l’impossibilità per molti concittadini di Taranto di comprendere i contenuti autentici del monitoraggio ambientale dentro e fuori lo stabilimento siderurgico“. La Cisl plaude al “metodo adottato nei giorni scorsi dalla Procura ionica – conclude Castellucci – di riunire tutti i soggetti istituzionali, produttivi ed altre Autorità pubbliche oltreché Enti strumentali impegnati sul versante sanitario, con la richiesta rivolta loro di esibire entro il 28 aprile i dati dei rispettivi monitoraggi sulle ricadute ambientali della produzione siderurgica“.

Condividi:
Share
Il Corriere di Taranto, i fatti del giorno. Contatta la nostra redazione: [email protected]

Commenta

  • (non verrà pubblicata)